rotate-mobile
Animali

I detenuti di Mammagialla aiutano i cani a trovare casa... e i cani aiutano i detenuti a recuperare emotività

"Qua la zampa", il progetto con cui Enpa ha fatto incontrare ai detenuti del carcere di Viterbo due cani in cerca di casa: Astro e Bianca. L'obiettivo è anche il reinserimento sociale dei reclusi

I detenuti di Mammagialla aiutano i cani a trovare casa. E i cani aiutano i detenuti a recuperare emotività e nel reinserimento sociale. "Qua la zampa" è stato un percorso di conoscenza, relazione e interazione durato dieci mesi. Un progetto terapeutico di Enpa Viterbo e del carcere di Mammagialla, con il finanziamento della Regione Lazio.

I detenuti, affiancati da personale qualificato, hanno unito lezioni frontali a sessioni di prova e di pratica altamente esperienziali con cani provenienti da realtà e storie di vita differenti e da situazioni difficili. Tra loro Astro e Bianca, due meticci di cui i detenuti, mettendo in campo le conoscenze apprese dagli incontri, hanno fatto una valutazione e redatto schede descrittive di questi due splendidi cani in cerca di adozione.

"Qua la zampa" ha avuto anche l'obiettivo di dare sostegno al benessere psicofisico dei detenuti mediante pratiche educative di sensibilizzazione a doppio senso (per detenuti e cani) che hanno mirato al recupero dell'emotività, al miglioramento delle capacità sociali e comportamentali dei detenuti. 

Il progetto, inoltre, mira al futuro reinserimento dei detenuti nella società, a stimolare l'interesse e la spinta motivazionale verso indirizzi lavorativi di settore o nella pratica del volontariato, oltre a renderli partecipi alla campagna di prevenzione contro l'abbandono e alla promozione delle adozioni di cani meno fortunati.

I risultati del progetto sono stati presentati ieri pomeriggio nella sala del Cunicchio della Camera di commercio. Hanno preso parte Caterina Poli, project manager di Enpa Viterbo, il presidente della sezione Mauro Angelo Dino Chiarle, il vicepresidente Maurizio Spinnato, i veterinari Marco Cianchella e Silvia Boni, esperta in comportamento, l'istruttore cinofilo Nicola Carosi, il consigliere e volontario Enpa Alessandro Licci e Paola Francesca Iozzi, scrittrice e drammaturga.

È stato proiettato anche il video "Qua la zampa", che ha ripercorso tutte le tappe del progetto, a cura delle videomaker Ilaria Fochetti Scattastorie e Alessia Frangiamore.

Scheda detenuti per Bianca-2

Scheda detenuti per Astro-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I detenuti di Mammagialla aiutano i cani a trovare casa... e i cani aiutano i detenuti a recuperare emotività

ViterboToday è in caricamento