Mercoledì, 17 Luglio 2024
LA POLEMICA

"Il comportamento della proloco è grave, mi piacerebbe sapere se tutta l'associazione è d'accordo"

Maurizio Errigo, architetto e docente della Sapienza, all'attacco della proloco dopo le polemiche sulle feste

Non si placano le polemiche attorno alla Pro Loco di Viterbo. L’associazione è finita al centro delle critiche per aver organizzato delle feste in concomitanza con eventi organizzati da altri enti, ma alcuni cittadini sui social hanno attaccato anche l’atteggiamento dei vertici, accusandoli di censurare chi esprime giudizi in contrasto con il loro operato. In poche parole, secondo quanto raccolto dalla redazione di ViterboToday, diversi viterbesi sarebbero stati bannati dalla pagina della Pro Loco dopo aver sollevato perplessità o dubbi. Tra questi, a quanto pare, ci sarebbe anche Maurizio Errigo, architetto, esperto di urbanistica e docente presso l’ateneo de La Sapienza di Roma. 

Sempre sui social, Errigo ha infatti scritto un messaggio che lascia ben poco spazio alle interpretazioni: “Lo fanno spesso, anche io ho commentato e sono stato bloccato da loro. Ho scritto anche privatamente alla presidenza ma non mi è stata data risposta. Credo che per un’associazione che vuole promuovere eventi in città ed alimentare il dibattito culturale sia molto grave questo comportamento. Mi piacerebbe anche sapere se tutta la Pro loco è consapevole di questo e se avalla questi atteggiamenti di chiusura. Un’altra occasione persa per la città”. 

Un attacco, quello del professore, che sicuramente non spegne il fuoco di una diatriba cominciata ormai ad aprile, quando la Pro Loco è entrata in contrasto con il Comune fondando la riedizione di San Pellegrino in fiore, oggi Viterbo in festa. Da lì in poi, le schermaglie con l’amministrazione Frontini si sono susseguite con cadenza regolare: prima sui presunti contributi privati per la realizzazione delle esposizioni floreali, poi su San Faustino - dove la Pro Loco ha promosso la costituzione di un comitato di quartiere - e infine su La Quercia, dove l’associazione ha duramente attaccato la maggioranza civica di Palazzo dei Priori per alcune frasi mal digerite sulle iniziative nel borgo. Nel mezzo, una serie di feste organizzate in sovrapposizione ad altri appuntamenti di alcune associazioni, tra cui Cioccotuscia ed il Sodalizio dei facchini della Macchina di Santa Rosa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il comportamento della proloco è grave, mi piacerebbe sapere se tutta l'associazione è d'accordo"
ViterboToday è in caricamento