rotate-mobile
LA POLEMICA / Centro Storico / Via Giacomo Matteotti

La nuova aiuola di via Matteotti divide i viterbesi: "Sembra una lettiera". E infatti...

L'installazione, finanziata con il Pnrr, pare non aver fatto breccia in tutti i cittadini. E al centro sono comparsi già i primi escrementi di animali

Era rimasta vuota fino a qualche giorno fa, ma ora è possibile vederla riempita. La nuova aiuola di via Matteotti è un invito alle geometrie colorate che rimandano vagamente al periodo etrusco, ma sembra non convincere tutti i viterbesi. Sui social c'è chi l'ha descritta in maniera lapidaria: "Sembra una lettiera". E proprio ieri la pagina Facebook Viterbo centro storico e mobilità urbana ha pubblicato una foto con un escremento di animale al centro della lettiera. Sia chiaro: se si tratta di un cane al guinzaglio, la colpa è dell'inciviltà del padrone, al di là dell'estetica.

L'aiuola è stata creata in seguito all'allargamento dei marciapiedi durante i lunghi, e discussi, lavori in via Matteotti. Operazioni che hanno inevitabilmente portato al restringimento della carreggiata e alla scomparsa di alcuni parcheggi a pagamento per le auto. Nella sua lunghezza, il nuovo parterre occupa lo spazio di fronte al palazzo che ha sulla sommità la nota piramide in vetro, definita dallo stesso assessore Emanuele Aronne una bruttura estemporanea.   

Il vaso è stato riempito con sabbia gialla e arancione, condita da una decina di piantumazioni verdi, creando una serie di triangoli che s'incastrano tra loro a zig zag. Uno stile che, come detto, non trova il favore di una parte della cittadinanza. Alcuni si chiedono se sia stato opportuno mettere la sabbia in un'area che notoriamente va in discesa, con il rischio che, alla prima pioggia forte, l'aiuola possa svuotarsi. Altri invece tornano sulla decisione a monte, quella di ridurre la carreggiata e togliere posti auto per quest'opera, giudicata inutile. C'è anche chi crede possa essere un qualcosa di rivoluzionario ma anche chi pensa che non ci fosse la necessità di dover effettuare un lavoro del genere, definendolo approssimativo. Di certo, la nuova aiuola divide e non unisce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La nuova aiuola di via Matteotti divide i viterbesi: "Sembra una lettiera". E infatti...

ViterboToday è in caricamento