rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
LAVORI E DISAGI

Ritardi nei cantieri del Pnrr, Aronne rassicura: “Puntiamo a chiuderne la metà entro il 2024”

In Comune sono sicuri: “Gli imprevisti non fermeranno la rivoluzione del Pnrr”

“Gli imprevisti non fermeranno la rivoluzione del Pnrr”, parola di assessore. A ViterboToday, Emanuele Aronne, titolare dell’Urbanistica, rassicura i cittadini sullo stato d’avanzamento dei progetti finanziati con i contributi europei. Nel corso degli ultimi giorni hanno fatto notizia le proroghe concesse dal Comune alle aziende che stanno realizzando tre opere molto importanti come la pista ciclabile, il PalaMalè e la piscina comunale, centro della Federazione Italiana Nuoto.

Dietro i rallentamenti, rende noto Aronne, si celano motivazioni tecniche e burocratiche. “Sulla pista ciclabile (per la quale la ditta ha chiesto ulteriori 45 giorni, ndr), non possiamo non fare presente che, in via del Pilastro, è venuta giù la fogna e l’abbiamo dovuta riparare a nostro carico, questo ci è costato dei ritardi. La fognatura - spiega Aronne - era già danneggiata da tempo e abbiamo dovuto bloccare momentaneamente i lavori, che stavano procedendo spediti, per ripararla. Con la ciclabile siamo comunque perfettamente in linea con il cronoprogramma”. 

Diversa la situazione che riguarda il Palamalè: “In questo caso abbiamo scelto di mantenere all’interno del palazzetto l’attività sportiva, dunque abbiamo dovuto sospendere per alcuni giorni i lavori al fine di far svolgere le gare. Inoltre c’è una variante in corso d’opera, quando il Ministero l’approverà potremo partire. Una proroga di 15 giorni ci sta, soprattutto in un Comune dove esistono grandi incompiute che risalgono a quasi vent’anni fa”. 

Per quanto concerne la piscina comunale del Murialdo, il centro Fin, l’ostacolo è di natura logistica: “Quando arrivano gli imprevisti - dice Aronne - ci sono varianti che il Ministero deve approvare e c’è sempre il momento in cui inevitabilmente devi fermarti ed allungare i tempi, perché se la risposta non arriva non puoi proseguire. Siamo poi in un periodo in cui il reperimento del materiale è lento e richiede più tempo”.

“I cantieri - afferma l’assessore - finiranno tutti nei tempi previsti dalle proroghe rilasciate. Siamo totalmente nei tempi, ricordo che la scadenza è marzo 2026 ma noi puntiamo a chiudere la metà dei cantieri entro la fine di quest’anno e, su ciclabile, Palamalè e centro Fin siamo quasi arrivati. Sono orgoglioso di come stanno andando avanti i lavori, le tempistiche sono più che congrue e la città, nonostante i cantieri, continua comunque a vivere. Come detto, i ritardi non dipendono da noi, il Ministero ci mette un po’ di più ad approvare la varianti, ma le proroghe richieste dalle aziende sono state brevi. Stando alla linea che ci eravamo imposti, siamo perfettamente a paro con le tabelle di marcia. In alcuni cantieri si verificano quelli che sono normali imprevisti per delle nuove costruzioni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ritardi nei cantieri del Pnrr, Aronne rassicura: “Puntiamo a chiuderne la metà entro il 2024”

ViterboToday è in caricamento