rotate-mobile
IL FENOMENO

Aurora boreale nei cieli della Tuscia: da Civita di Bagnoregio a Montefiascone, spettacolo rarissimo | FOTO

Un evento insolito: anche il cielo viterbese si è tinto di un mix magico di colori

Sfumature di verde, rossastro, viola: un mix magico di colori ha tinto (anche) i cieli della Tuscia. Ieri sera, infatti, si è inaspettatamente vista l'aurora boreale. Uno spettacolo rarissimo, perché il fenomeno è visibile quasi esclusivamente nelle regioni polari, dove è più intensa l'interazione fra il campo magnetico terrestre e lo sciame di particelle provenienti dal sole. Ma ieri è stato possibile ammirarlo grazie a delle condizioni particolari: una tempesta geomagnetica.

Segnalazioni sono arrivate pure dal Lazio e dalla provincia di Viterbo: da Montefiascone a Civita di Bagnoregio. Le immagini sono magiche: non solo il mix di colori ma anche migliaia di stelle.

GALLERY | Aurora boreale a Viterbo: le foto

La tempesta solare (e geomagnetica) che sta investendo la terra è molto forte: il centro di previsione meteorologica spaziale dell'agenzia statunitense Noaa (National oceanic and atmospheric administration), nei giorni scorsi, ha previsto il livello G4, “severo”, il secondo più alto sulla scala, per la quantità di radiazioni che potrebbero investire la terra.

Oltre alle meravigliose aurore boreale che potrebbero essere avvistate nei cieli per ore anche a basse latitudini, infatti, ci possono essere conseguenze meno affascinanti come impatti sulla rete elettrica, sui sistemi di navigazione satellitare come il Gps e problemi a satelliti e veicoli spaziali. Gli effetti più intensi sono previsti per la giornata di sabato. Un evento di questo tipo è molto raro e non succedeva dal 2005. L’allarme è scattato nella giornata dell’8 maggio dopo una serie di brillamenti solari ha messo in mostra diverse grandi espulsioni di plasma dal Sole.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aurora boreale nei cieli della Tuscia: da Civita di Bagnoregio a Montefiascone, spettacolo rarissimo | FOTO

ViterboToday è in caricamento