rotate-mobile
ORDIGNO INESPLOSO

Bomba day, sulle scuole si cambia ancora idea: "Il 7 maggio resteranno tutte chiuse"

Nel giorno dell'evacuazione non suonerà la campanella sia negli istituti che si trovano dentro la zona rossa che fuori

Bomba day, sulle scuole si cambia ancora idea. Il Comune di Viterbo fa sapere che il 7 maggio resteranno tutte chiuse, indipendentemente da se si trovano nella zona rossa o fuori. Quello è il giorno dell'evacuazione e della bonifica del grosso ordigno bellico inesploso trovato in via Alcide De Gasperi.

"Tutte le scuole del territorio comunale di ogni ordine e grado - comunali, private e paritarie, nidi inclusi - ricadenti sia dentro che fuori l'area interessata alle attività di evacuazione resteranno chiuse", informa il Comune che fa sapere che l'aggiornamento è dovuto "alla luce del ridimensionamento della zona rossa: 1400 metri dal punto di ritrovamento del residuato bellico".

"Tale decisione - spiegano da palazzo dei Priori - nasce dalla considerazione dell'alto numero degli istituti che altrimenti sarebbero rimasti fuori dall'area rossa a seguito della riduzione della stessa e, di conseguenza, dell'elevata movimentazione del numero di studenti che avrebbe potuto interferire con le operazioni di evacuazione".

Fanno eccezione le scuole di Grotte Santo Stefano, Bagnaia, San Martino al Cimino e Tobia. "Resteranno regolarmente aperte - chiarisce palazzo dei Priori - e per le quali saranno garantiti da parte del Comune di Viterbo il servizio di mensa scolastica e il servizio di trasporto scolastico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bomba day, sulle scuole si cambia ancora idea: "Il 7 maggio resteranno tutte chiuse"

ViterboToday è in caricamento