rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
IL FATTO / Centro Storico / Piazza San Lorenzo

Cacca di cane sul pratino allestito al duomo per San Pellegrino in Fiore

Il padrone ha lasciato che il proprio cane defecasse sull'allestimento lungo il ponte che porta a piazza San Lorenzo

Domani si aprirà ufficialmente la 34esima edizione di San Pellegrino in Fiore, la manifestazione florovivaistica che interessa la parte medievale del centro storico e da sempre attira in città centinaia di turisti e di curiosi. Un appuntamento che peraltro quest’anno torna con il logo ufficiale, data l’assenza dello scorso anno e quella degli anni del Covid. E dunque, la città sta attendendo con trepidazione l’inizio della festa. Purtroppo, però, non tutti hanno il rispetto che si deve in queste situazioni.

Il centro storico, in questi giorni, è interessato dai lavori di realizzazione delle varie installazioni che l’architetto Raffaele Ascenzi, vincitore del concorso d’idee, ha pensato per le piazze in cui si svolgerà l’evento. Composizioni, geometrie, colori e soprattutto fiori e piante. Oggi i preparativi saranno ultimati, anche se il grosso è praticamente terminato ieri. Come, ad esempio, l’allestimento di piazza San Lorenzo, dove si trovano il duomo e il palazzo dei Papi, cuore della Viterbo medievale e di San Pellegrino da sempre. Lì sorgerà una sorta di giardino all’italiana in misura ridotta, ispirato a quelli di villa Lante e palazzo Farnese. Un tocco di eleganza e di verde a una zona abituata al grigio del peperino e delle sculture medievali. Qualcosa di diverso e di bello che, tuttavia, è stato sfregiato subito.

Il proprietario di un cane, infatti, ha lasciato che il suo amico a quattro zampe defecasse sul pratino verde allestito sul ponte del duomo. I turisti e i curiosi usciti per ammirare le composizioni sono rimasti letteralmente inorriditi dalla montagnetta di escrementi lasciata sulla composizione. Anche i residenti hanno protestato per il fatto, ma non c’è stato molto da fare: le feci sono rimaste lì. E c’è da scommetterci che anche lo stesso Ascenzi non l’abbia presa affatto bene. Colpa dell’inciviltà del padrone, senz’altro, ma sarebbe opportuno prevedere certe situazioni e attivarsi per eliminare gli escrementi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cacca di cane sul pratino allestito al duomo per San Pellegrino in Fiore

ViterboToday è in caricamento