rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
ISTRUZIONE

Contro l'abbandono degli studi serve il tempo pieno, ma nella Tuscia solo 1 scuola elementare su 5 ha la mensa

È quanto emerge da un rapporto di Save the children sulla dispersione scolastica e sulle dotazioni strutturali degli istituti

Nella Tuscia solo una scuola primaria su cinque ha la mensa, ossia il 19,8% delle elementari. Fanno peggio le medie - le scuole secondarie di primo grado - che si fermano al 16,5%. È quanto emerge dal rapporto annuale di Save the children "Alla ricerca del tempo perduto".

Report Save the children - Mappa scuole mensa

Analizzando la scuola primaria, Viterbo, per quanto riguarda la presenza di mense, fa meglio di Latina, provincia meno virtuosa del Lazio con il 12,3%. Ma viene superata da Frosinone (20,6%), Rieti (23,2%) e Roma (37,4%). Terzo posto, invece, sul fronte scuole medie: prima di Frosinone (12,1%) e Latina (12,4%), ma dopo Rieti e Roma che segnano rispettivamente ben il 42,5% e il 73,6%.

Report Save the children - Mappa scuole agibilità

Questi dati sono importanti perché le carenze strutturali degli istituti scolastici insieme al disagio economico - acuito dall'aumento della povertà - sono fattori che, uniti agli effetti del Covid e della didattica a distanza, condannano migliaia di ragazze e di ragazzi ad abbandonare gli studi, non facendogli frequentare l'università e riducendogli le possibilità di entrare nel mondo del lavoro. Secondo Save the children, nel Lazio la dispersione scolastica riguarda il 9,2% degli studenti e il 21,6% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni non va a scuola, non lavora e non partecipa a corsi di formazione.

Report Save the children - Mappa scuole tempo palestre

Il rapporto ha analizzato alcuni deficit strutturali del sistema scolastico, in termini di spazi, servizi e tempi educativi, come mensa e tempo pieno, palestra e agibilità degli istituti. Per quanto riguarda le palestre, in Italia circa la metà delle scuole elementari e medie ne sono dotate. Nel Lazio tutte le province non arrivano al 50%, con punte più basse per le primarie di Rieti (17,4%) e più alte per le secondarie di Roma (44,4%).

Report Save the children - Mappa scuole tempo pieno

Nel Lazio le classi a tempo pieno, quindi con una didattica che si sviluppa su 40 ore settimanali con gli alunni che rimangono a scuola a pranzo, sono il 55,7%. In numeri assoluti, 6mila 788 su 12mila 194. Un dato tutto sommato lusinghiero rispetto a regioni come Toscana, Basilicata e Lombardia che superano di poco il 50% e nettamente migliore di regioni del sud come Sicilia, Molise, Puglia e Campania dove le percentuali sono sotto al 20%. Secondo il rapporto, nel Lazio per adeguare quelle 5mila 406 classi mancanti al tempo pieno bisognerebbe assumere 2mila 703 docenti e servirebbero 382 collaboratori scolastici in più, per un investimento stimato di oltre 95 milioni 650mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contro l'abbandono degli studi serve il tempo pieno, ma nella Tuscia solo 1 scuola elementare su 5 ha la mensa

ViterboToday è in caricamento