rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
GUERRA TOTALE

FdI, Lega e Pd: “Diserteremo il Consiglio, incontreremo il prefetto ed andremo alla Corte dei Conti”

L’opposizione annuncia battaglia contro la maggioranza Frontini: “Vogliono chiuderci la bocca ma sono dei dilettanti”

La brocca è straboccata, l’opposizione annuncia una lotta senza quartiere all’amministrazione Frontini. Lo stato di tensione, scoppiato con il Consiglio straordinario disertato dalla maggioranza e arrivato al suo culmine ieri, con la convocazione di un Consiglio straordinario su ben quattro argomenti (fatto quantomeno irrituale), ora è alle stelle. FdI, Lega e Pd si sono spazientiti: “Diserteremo il Consiglio di domani, siamo infastiditi e non raccoglieremo questa provocazione”.

Laura Allegrini, meloniana, coglie l’occasione per attaccare l’amministrazione, accusata di gestire il Comune in maniera “casareccia”: “Chiaramente siamo a casa Frontini, il metodo è casareccio. Sgarbi porta le sue mostre, Aronne porta in ufficio un suo collega di studio, Franco nel suo porta una stagista con una procedura non chiara, Antoniozzi è membro di una commissione in un premio di un’associazione che vince un bando e Angiani firma lo spostamento dei cani dal canile comunale ad uno privato. Non accetteremo queste non-regole e  daremo battaglia”. 

Alvaro Ricci, del Pd, sottoscrive e spiega cosa farà da oggi l’opposizione tutta: “Frontini è riuscita ad unire Pd, Lega e FdI. Chiediamo che venga ripristinato il rispetto e che non vengano calpestati i diritti della minoranza consiliare, per questo continueremo a disertare la capigruppo, domani non andremo in Consiglio, sull’appalto rifiuti andremo alla Corte dei Conti e chiederemo pure un incontro col prefetto Cananà”. Insomma, guerra totale. “Vogliono chiuderci la bocca - ha concluso Ricci - ma noi non siamo dei dilettanti. La loro scelta politica, quella di disertare il Consiglio straordinario da noi richiesto, è stata vergognosa”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

FdI, Lega e Pd: “Diserteremo il Consiglio, incontreremo il prefetto ed andremo alla Corte dei Conti”

ViterboToday è in caricamento