rotate-mobile
L'ANNIVERSARIO / Centro Storico / Piazza San Lorenzo

La Repubblica compie 78 anni, maxi tricolore sul campanile del duomo | FOTO

In piazza San Lorenzo la celebrazione del 2 giugno. La sindaca Frontini: "Oggi come allora c'è ancora bisogno di partecipazione". Il presidente della Provincia Romoli: "La Repubblica cammina sulle nostre gambe". Consegnate le onorificenze: tutti i nomi

Con un maxi tricolore sul campanile del duomo Viterbo celebra la Repubblica, che compie 78 anni. Per la prima volta in piazza San Lorenzo, la tradizionale cerimonia per celebrare il 2 giugno alla presenza delle autorità militari, civili, politiche e religiose della provincia preceduta dalla deposizione di una corona al sacello dei caduti.

Gennaro Capo-3

Il prefetto Gennaro Capo ha letto il messaggio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, poi gli interventi della sindaca di Viterbo Chiara Frontini e del presidente della Provincia Alessandro Romoli.

"Quella di oggi - ha detto la prima cittadina - è un'occasione preziosa per poter riflettere su questa eredità che i nostri padri e nonni ci hanno lasciato e che noi dobbiamo coltivare. Quella del 2 giugno del 1946 è stata una resistenza civica, con l'Italia che usciva dalla guerra e ancora portava i segni delle privazioni".

Chiara Frontini-21

Poi il monito, anche in vista delle prossime elezioni europee. "Ridiamo linfa alla partecipazione alla vita democratica del paese, è un compito delle istituzioni ma anche un attitudine dei cittadini. Oggi, come il 2 giugno di 78 anni fa, c'è bisogno di partecipazione e di Europa".

Frontini ha poi sottolineato che "nei momenti più delicati della storia, anche recenti, i viterbesi sono sempre stati mossi da rispetto e collaborazione. Come avvenuto per la recente emergenza bomba e l'alluvione in Emilia Romagna dello scorso anno. Questa è la vera Viterbo, quella di cui andare orgogliosi".

Alessandro Romoli-13

Diversi i cittadini presenti alla cerimonia. A loro si è rivolto il presidente della Provincia Romoli. "I cittadini sono da sempre i veri protagonisti di questa giornata. Quella del 2 giugno del 1946 fu una scelta difficile e anche divisiva, per il contesto storico in cui si è svolto il referendum. Il popolo italiano, appena uscito dalla guerra, era stanco ma ha fatto una scelta netta, irreversibile e lungimirante. Un salto nel vuoto, che però ha dato vita a un'Italia libera e democratica che ha solide basi in giustizia e uguaglianza".

Romoli si chiede "cosa poter costruire oggi nel solco del 2 giugno di 78 anni fa. Le sfide non mancano. Dobbiamo continuare a difendere la costituzione e rafforzare le istituzioni, proteggere i diritti fondamentali da forme illiberali di governo, ricordarci sempre che l'Italia ripudia la guerra. Insomma, dobbiamo prendere in mano il nostro destino e tenerlo dal lato giusto della storia, perché la Repubblica cammina sulle nostre gambe".

Festa della Repubblica Viterbo 2 giugno 2024-2

La cerimonia è iniziata alle 9,15 con lo schieramento del reparto d'onore interforze, l'ingresso dei medaglieri e dei labari delle associazioni combattentistiche e d'arma e dei gonfaloni della città e della provincia di Viterbo. Poi gli onori al prefetto Capo e l'inno nazionale eseguito dalla banda dell'Aviazione dell'esercito.

Marcello Egidio, Federico Lombardi e Guglielmo Trombetta

Prima del termine della cerimonia sono state consegnate le onorificenze dell'ordine al merito della Repubblica ad alcuni cittadini per le benemerenze acquisite verso la nazione. Tra queste, il titolo di commendatore al brigadiere capo qualifica speciale della Guardia di finanza Francesco Fauci e quello di ufficiale al tenente colonnello dell'Arma dei carabinieri Marcello Egidio.

GALLERY | Festa della Repubblica a Viterbo: la consegna delle onorificenze

Le onorificenze

Titolo di commendatore al brigadiere capo qualifica speciale della Guardia di finanza Francesco Fauci

Titolo di ufficiale al tenente colonnello dell'Arma dei carabinieri Marcello Egidio

Titolo di cavaliere a:

- Maggiore dell'Arma dei carabinieri Federico Alfonso Lombardi

- Luogotenente carica speciale dell'Arma dei carabinieri Vito Di Benedetto

- Colonnello della Guardia di finanza Andrea Pecorari

- Maresciallo della Guardia di Finanza Alessandro Santori

- Brigadiere capo della Guardia di Finanza Franco Ballore

- Sovrintendente capo della polizia di Stato Emanuele Politini

- Sandro Marenzoni

- Alberico Paoletti

- Giulio Starnini

- Gloria Pessina

- Margherita Manzi

- Sanja Pecnik

- Carlo Trevi

- Simonetta Taucci

- Cristina Bugiotti

- Anna Maria Primi

- Anna Rita Dionisi

- Ramona Sassara

- Capitano della Guardia di finanza Sergio Paolocci

- Novella Selvaggini

- Luciano Caterini

- Appuntato scelto dell'Arma dei carabinieri Emanuele Stalfieri

- Luogotenente carica speciale dell'Arma dei carabinieri Angelo Faraoni

- Primo luogotenente dell'Esercito Cesare Bucini

- Tenente colonnello della Guardia di finanza Claudio Catalani

- Giuseppe Salta

- Paola Perugi

- Carla Fiorucci

- Appuntato scelto qualifica speciale della Guardia di finanza Domenico Antonio Pica

- Patrizia Caciola

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Repubblica compie 78 anni, maxi tricolore sul campanile del duomo | FOTO

ViterboToday è in caricamento