rotate-mobile
Attualità

Focarone di Bagnaia, la tradizione millenaria si rinnova: la catasta è in piazza

L'Epifania è il giorno del montaggio della catasta in piazza XX Settembre: l'accensione il 16 gennaio

Si rinnova la millenaria tradizione del focarone di Bagnaia. L'ex comune si prepara ad accendere il sacro fuoco di sant'Antonio abate. Come consuetudine, da questa mattina, giorno dell'Epifania, il Comitato è al lavoro in piazza XX Settembre per l'accatastamento della legna con cui verrà celebrato il protettore degli animali domestici.

"Il 6 gennaio sul calendario è la festa della Befana, per noi è il giorno del montaggio - spiegano dal Comitato -. Dalla mattina presto fino a sera siamo in piazza a montare il sacro fuoco che si accenderà il 16 gennaio. In tutto quello che organizziamo c'è e ci sarà sempre un bel bicchiere di vino rosso ad accompagnarci".

Il focarone di sant'Antonio fa parte delle tradizioni della Tuscia. Un rito identitario e così sentito da richiamare gente da tutta la provincia. Alla catasta verrà dato fuoco il 16 gennaio. L'appuntamento è per le 18,30, quando il focarone inizierà a scaldare (e lo farà per tutta la notte) il cuore dei presenti.

A incendiare gli animi, invece, ci penseranno musica e divertimento. Ospite della manifestazione il cantante Brusco insieme alla Roots in the sky band e il gruppo No funny stuff. Insomma, il conto alla rovescia è cominciato. Mancano dieci giorni alla festa più calda dell'inverno.

Montaggio catasta focarone di Bagnaia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Focarone di Bagnaia, la tradizione millenaria si rinnova: la catasta è in piazza

ViterboToday è in caricamento