L'INCONTRO

La consulta del volontariato chiede più comunicazione al Comune

Al tavolo di programmazione discussi i progetti che sono in fase di lavorazione. Massimo Romolo Rossetti è stato nominato disability manager

Incontro tra l'amministrazione e la consulta del volontariato. L'obiettivo era fare il punto sui lavori svolti dal governo cittadino in ambito sociale e comprendere come è andato il primo anno di presidenza a seguito della variazione del regolamento per il funzionamento dell'organo.

L'esecutivo della consulta presieduta da Raimondo Raimondi, che rappresenta 66 associazioni del territorio, ha incontrato la sindaca Chiara Frontini, gli assessori Patrizia Notaristefano, Emanuele Aronne, Elena Angiani e il consigliere Umberto di Fusco. Discusso l'avanzamento dei progetti che l'amministrazione e la consulta stanno portando avanti in sinergia. Tra questi, spicca il Peba: piano per l'eliminazione delle barriere architettoniche, per il quale è stata svolta la prima fase di indagine attraverso la somministrazione di un questionario a tutti i partecipanti della consulta e ai cittadini. Altro tema quello della piattaforma informatica. Lo strumento operativo che consentirà la condivisione delle informazioni migliorando notevolmente la comunicazione.

Durante l'incontro si è fatto il punto rispetto alla disability card, attivata su proposta della consulta comunale del volontariato e approvata all’unanimità dall’intero consiglio di palazzo dei Priori. Permetterà non soltanto l’identificazione delle persone con disabilità ma anche l'accesso a servizi gratuiti o a costo ridotto. Al momento la card è stata attiva al museo dei Portici, ma si procederà ad ampliare il bacino di attività aderenti.

L'amministrazione ha reso noto di aver conferito la nomina di disability manager al dirigente Massimo Romolo Rossetti mentre l'assessore Notaristefano ha relazionato sullo stato d'attuazione del piano di zona i cui termini di presentazione sono stati prorogati dalla Regione. Durante la riunione non si è potuto tralasciare l'importanza di quanto, quello appena trascorso, sia stato un anno importante, in quanto primo anno di mandato per il presidente eletto. E' emersa anche la necessità di un miglioramento nella comunicazione tra amministrazione e consulta e questo potrà avvenire anche grazie ad un maggiore coinvolgimento dei consiglieri comunali, membri dell'esecutivo, che hanno dimostrato disponibilità in tal senso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La consulta del volontariato chiede più comunicazione al Comune
ViterboToday è in caricamento