rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Attualità

Contro la violenza sulle donne palazzo dei Priori e teatro dell'Unione si tingono di rosso, flash mob in piazza del Comune e scarpette rosse

Le iniziative della due giorni a Viterbo in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne

Flash mob, scarpette rosse sul ponte del duomo, palazzo dei Priori e teatro dell'Unione illuminati di rosso. Due giorni di iniziative, venerdì 24 e sabato 25 novembre, a Viterbo contro la violenza sulle donne in occasione della Giornata internazionale istituita dall'assemblea generale delle Nazioni unite nel 1999.

"Un tema, quello della violenza sulle donne, che tocca le corde più intime di ciascuno di noi, sia a livello di dinamiche personali che sociali - afferma la sindaca Chiara Frontini -. Soprattutto per la recrudescenza a cui stiamo assistendo negli ultimi giorni".

Categorica l'assessora alle politiche sociali Patrizia Notaristefano: "Parlare di violenza sulle donne è diventato di vitale importanza e c'è necessità di farlo sempre più spesso". Poi traccia un bilancio del tavolo operativo di lavoro aperto sul tema lo scorso anno. "Negli ultimi 360 giorni si è riunito ogni due mesi e ha messo al centro tutte le difficoltà che quotidianamente ci si trova ad affrontare in tema di violenza sulle donne, con l'obbiettivo di fare prevenzione e migliorare la situazione sul territorio. Hanno partecipato le associazioni, sia femminili che maschili, Asl, prefettura, procura, tribunale, centri antiviolenza, ordine degli avvocati, camera civile, centro criminologico e forze dell'ordine".

La due giorni di iniziative parte alle 9,45 del 24 novembre. "Si inizia dai giovani - spiega Gilberto - perché è da quando si è piccoli che bisogna educare all'affettività e parlare di violenza di genere". I ragazzi saranno coinvolti in momenti di riflessione, coordinati anche dal centro Penelope e dai carabinieri, partendo da dei temi sulla violenza contro le donne realizzati da due quinte superiori degli istituti Buratti e Savi. Appuntamento in sala regia.

Sempre a palazzo dei Priori, lo stesso giorno ma alle 16, un incontro sui risultati del tavolo operativo di lavoro. Prima un flash mob in piazza del Comune dove sarà collocata anche un'installazione, intitolata Attraverso lo sguardo oltre le parole, realizzata dagli studenti del corso di design industriale dell'università della Tuscia.

La sera lo spettacolo della compagnia teatrale Faul, il cui ricavato sarà devoluto al centro Penelope, Non una donna in più. Al teatro dell'Unione, che sarà illuminato di rosso. Illuminato di rosso anche palazzo dei Priori, ma il 25 novembre. "L'obiettivo - sottolinea l'assessore allo Sviluppo economico Silvio Franco - è quello di accendere e tenere accesa una luce contro la violenza sulle donne".

Dalle 11 di venerdì scarpette rosse sul ponte del duomo. Sono state realizzate dagli studenti dell'istituto Orioli e dalle artiste e artisti del territorio. Anche in questo caso il ricavato sarà devoluto al centro Penelope. In occasione dell'inaugurazione è prevista un'esibizione dei ragazzi della scuola di musica Ars nova. "Le ceramiche con il 1522, il numero antiviolenza, saranno messe nelle attività commerciali della città", anticipa Luigia Melaragni, segretaria della Cna.

Alle 15 da piazza del Comune, invece, partirà una camminata organizzata dall'Aics, l'Associazione italiana cultura e sport. Infine l'iniziativa di Archeoares, che nei luoghi della cultura della rete Muvi metterà un adesivo per diffondere il numero 1522 e il gesto internazionale con la mano per la richiesta di aiuto in caso di violenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contro la violenza sulle donne palazzo dei Priori e teatro dell'Unione si tingono di rosso, flash mob in piazza del Comune e scarpette rosse

ViterboToday è in caricamento