rotate-mobile
NATALE A GONFIE VELE

Natale da urlo a Viterbo e provincia: +10% di turisti, ristoranti sold out e test superato per i mercatini

Il periodo natalizio ha portato la tanto attesa boccata d'ossigeno per il turismo viterbese

Il capodanno in piazza del Teatro sulle spensierate note amarcord di Cristina D’Avena, che ha visto la partecipazione di circa 5mila persone, ha suggellato una parentesi natalizia straordinaria per Viterbo e la Tuscia. Dopo gli anni nefasti del Covid e quello un po’ sottotono del 2022, il mese delle festività a cavallo tra il 2023 e il 2024 ha portato la tanto attesa boccata d’ossigeno al turismo e all’economia locale. I visitatori sono aumentati, così come gli incassi dei ristoranti e delle strutture ricettive. Nota positiva anche per gli eventi a tema sia nel capoluogo che nel resto della provincia.

Secondo quanto dichiarato a ViterboToday da Gianfranco Piazzolla, presidente di Confimprese, le presenze turistiche nel periodo di Natale “sono aumentate di oltre il 10%”. Un dato importante, come spiega lui stesso: “Il +10% è la media nazionale, Viterbo e la Tuscia al momento hanno superato questa soglia”. Anche sul lungo termine, quindi su tutto il 2023, si è registrato un aumento considerevole rispetto al 2022, pari al 18%. Numeri che sprigionano l’ottimismo degli operatori, ma il mantra è sempre lo stesso: “Vanno create le condizioni per aumentare anche la presenza media, ferma a meno di due giorni da diversi anni. Dobbiamo arrivare a due, anche due e mezzo e allora inizieremo a vedere davvero dei cambiamenti importanti”.

E, se ci sono i turisti, le strutture ricettive lavorano. Nel periodo tra l’8 dicembre e capodanno, hotel, alberghi, agriturismi e b&b della Tuscia hanno sfiorato il 100% della capienza. Nel capoluogo, secondo le principali piattaforme dedicate, si è arrivati a un picco massimo del 97% di stanze occupate. Per i dati definitivi bisognerà attendere il report trimestrale sulla tassa di soggiorno, quando ci si potrà fare un’idea completa sul numero dei pernottamenti. Tutto questo significa, ovviamente, maggiori incassi per i titolari e un indotto per la città.

Belle notizie anche per il mondo della ristorazione, con i ristoranti che segnano un buon +15% di affluenza rispetto allo scorso Natale. Secondo Confesercenti, inoltre, 8 famiglie su 10 hanno trascorso la notte di San Silvestro a casa e, per la cena, sono stati prediletti i prodotti locali.

Un ruolo cruciale nell’attirare i turisti lo hanno giocato senz’altro i tanti eventi sparsi dal nord al sud della Tuscia. Menzione speciale per i mercatini natalizi, che hanno superato alla grande le aspettative sia a Viterbo che negli altri paesi come, ad esempio, l’insospettabile Acquapendente. Tanto che, secondo quanto trapela da fonti istituzionali, gli operatori avrebbero già chiesto di potersi prenotare un posto per il prossimo anno. Ma anche i villaggi a tema, come il Christmas village di Fantaworld e il Regno di Babbo Natale a Vetralla, hanno fatto la loro figura. Questa, però, non è una novità, dato che si tratta di realtà che ormai da anni superano ampiamente quota 10mila visitatori. Non potevano mancare poi i presepi, in particolare quelli viventi come quello di Bagnoregio, che ha animato e abbellito la città che muore.

Quanto alle località più gettonate, troviamo - oltre a Viterbo - Vetralla, Bagnoregio, Calcata e Acquapendente. Il clima mite che ha attraversato la provincia nel mese di dicembre, poi, ha fatto sì che anche i paesi sulle sponde del lago di Bolsena registrassero un exploit. Sorprendentemente, anche Tarquinia e Montalto hanno fatto incetta di turisti, con i più temerari che, il primo dell’anno, si sono concessi il primo tuffo del 2024. Escludendo la città dei Papi e quella che muore, ottimi risultati in termini di affluenza per Bolsena e Ronciglione, i due borghi principi della Tuscia insigniti da Forbes e dal premio Borgo dei borghi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Natale da urlo a Viterbo e provincia: +10% di turisti, ristoranti sold out e test superato per i mercatini

ViterboToday è in caricamento