rotate-mobile
PATRIMONIO

Occupazioni abusive: quattro sfratti al Carmine. Da cittadini e imprese una sfilza di rateizzazioni dell'Imu

Sul patrimonio immobiliare il Comune inizia a muoversi, ma le richieste di dilazionare i pagamenti sono davvero molte

Qualcosa comincia a smuoversi sul fronte del patrimonio immobiliare, con il Comune che, in attesa di stanare i morosi, sta provvedendo a mettere mano ai propri edifici e a chiedere di regolarizzare alcune situazioni relativi ai tributi. Un’operazione, questa, che richiederà ancora diverso tempo per produrre i suoi frutti ma appare ormai necessaria di fronte alla situazione attuale. La stima delle morosità quanto agli affitti, come noto, si aggira tra i 130mila e i 150mila euro, una cifra monstre. E i furbetti, peraltro, cercano anche di sfuggire ai pagamenti delle imposte comunali quali l’Imu, la Tari, la Tosap e la Cosap.

Sulla questione affitti, in queste settimane, la task force composta da funzionari della polizia giudiziaria, incaricati dell’Ater ed incaricati del Comune si sta adoperando per effettuare le opportune verifiche negli immobili di proprietà dell’Azienda Territoriale e di Palazzo dei Priori. Nell’ultimo mese, al Carmine, quartiere periferico a Sud della città, ci sono stati già quattro sgomberi: due in via Vico Squarano, uno in via Castel di Fano ed uno in zona Pontesodo. Si trattava, in tutte e quattro le circostanze, di occupazioni abusive. La task force continuerà la sua attività negli altri quartieri del capoluogo a cominciare dal centro storico, dove il mese scorso si sono registrate due nuove occupazioni in piazza San Carluccio. 

Diversa invece la situazione delle imposte. Su tutte quella dell’Imu. Palazzo dei Priori ha iniziato a chiedere a cittadini ed imprese di regolarizzare le proprie situazioni e, per tutta risposta, è arrivata una sfilza di richieste di rateizzazione, una quarantina circa dall'inizio dell'anno. In alcuni casi, difatti, gli importi sono molto alti e sia gli imprenditori che i residenti preferiscono dilazionare i pagamenti. Sta accadendo pressoché lo stesso per quanto concerne la Tari, l’imposta sui rifiuti. A breve, l’assessore Elena Angiani dovrebbe informare il Consiglio comunale sullo stato dell’arte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Occupazioni abusive: quattro sfratti al Carmine. Da cittadini e imprese una sfilza di rateizzazioni dell'Imu

ViterboToday è in caricamento