rotate-mobile
3 SETTEMBRE

Macchina di santa Rosa, i facchini invitano papa Francesco al debutto di Dies natalis | FOTO e VIDEO

Il Sodalizio, ieri in udienza privata in Vaticano, ha chiesto al pontefice di venire in città il prossimo 3 settembre per il trasporto

Papa Francesco invitato al trasporto della macchina di santa Rosa. Il prossimo 3 settembre, quando debutterà Dies natalis. Glielo hanno chiesto i facchini che, accompagnati dal presidente del Sodalizio Massimo Mecarini e dal capofacchino Sandro Rossi, ieri sono stati ricevuti in udienza privata dal pontefice nella sala Clementina del palazzo apostolico al Vaticano.

Un incontro storico a cui hanno preso parte 200 facchini e pure i minifacchini. Poi c'era il vescovo Orazio Francesco Piazza e l'emerito Lino Fumagalli, il presidente della Provincia Alessandro Romoli, la sindaca Chiara Frontini, l'ideatore della macchina Raffaele Ascenzi e i costruttori Vincenzo e Mirko Fiorillo, una rappresentanza della Rete delle grandi macchine a spalla.

GALLERY | Udienza da papa Francesco per i facchini di santa Rosa

Davanti a papa Francesco, accolto da un grosso applauso, i facchini hanno accapezzato il ciuffo. Rossi ha chiesto: "Siete tutti de 'n sentimento?". E poi: "Evviva santa Rosa, evviva papa Francesco". E ancora: le parole del pontefice e la sua benedizione. Infine il saluto ad personam. Mecarini e Rossi non si sono presentati a mani vuote, ma con un ciuffo con un dipinto dell'artista Michele Telari e la scritta "Papa Francesco, semo tutti de 'n sentimento". Ascenzi e i Fiorillo, invece, un bozzetto alto un metro e 20 di Gloria. Per il monastero, la madre superiora suor Francesca Pizzaia è arrivata con un bozzetto in legno di Volo d'angeli realizzato da detenuti. Altri doni dalla Rete delle grandi macchine a spalla e dal Comune.

"Durante l'udienza - riporta la sindaca Frontini -, abbiamo avuto l'onore di presentare al santo padre dei doni speciali, simboli della nostra storia e della secolare tradizione del trasporto, oggi patrimonio immateriale dell'Unesco. È stata un'occasione per ribadire l'impegno e la collaborazione instancabile di comunità e istituzioni, uniti nel perseguire il bene comune e contribuire al progresso collettivo".

VIDEO | I facchini accapezzano il ciuffo e urlano "Evviva santa Rosa" davanti a papa Francesco

Per Frontini, "questa straordinaria occasione ha assunto un significato profondo per la città, un capitolo destinato a rimanere indelebile nella memoria di tutti noi. Questo momento di condivisione non solo rafforza i legami tra le varie istituzioni locali e con la Rete delle grandi macchine a spalla, ma sottolinea anche l'importanza di unire le forze per costruire un futuro in cui la collaborazione e la solidarietà siano al centro di ogni azione, guidati dalla consapevolezza che insieme possiamo fare la differenza".

L'invito per il 3 settembre è stato, ovviamente, informale. A quello ufficiale ci penserà la Curia.

GALLERY | Sodalizio dei facchini in udienza da papa Francesco

Parlando di santa Rosa, papa Francesco ha detto: "Abbiamo bisogno di santi cosi, anche oggi: persone che non stanno in pantofole sul divano ma che, ardenti del desiderio incontenibile di vivere e annunciare il vangelo, con passione diventano contagiose nella santità". Rivolgendosi ai facchini ha poi aggiunto: "Voi, mostrando a tutti col "trasporto" quanto è grande l'esempio di santa Rosa, attraverso di lei fate conoscere il vangelo di Gesù. Un'impresa così grande nessuno può realizzarla da solo, proprio come dicono i vostri statuti e come ricorda uno dei motti che scandite insieme durante il cammino: "Semo tutti de 'n sentimento"".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Macchina di santa Rosa, i facchini invitano papa Francesco al debutto di Dies natalis | FOTO e VIDEO

ViterboToday è in caricamento