rotate-mobile
PARCHEGGIO SELVAGGIO / Centro Storico / Piazza Campoboio

Dietro l'Inps mancano i posti auto, e c'è chi parcheggia sulle scale della biblioteca...

Ennesimo e assurdo parcheggio selvaggio nel cuore del centro storico

L’area di piazza Campoboio, dietro la sede dell’Inps, da sempre è un esempio intramontabile del degrado in cui versano alcune aree del centro storico. Ci troviamo in via Matteotti, a due passi da piazza del Teatro e a pochi metri da piazza della Rocca. Una zona trafficata utilizzata, oggi, come parcheggio. Dire che il posto sia messo male è abbastanza riduttivo: strada dissestata, facciate dei palazzi presenti in totale fatiscenza e dislivelli pericolosi. A denunciare le condizioni della piazza, in passato, ci aveva pensato più volte il compianto giornalista Andrea Arena, che sognava una riqualificazione che oggi è possibile grazie ai fondi del Pnrr che l’amministrazione utilizzerà per la messa a nuovo della biblioteca degli Ardenti.  

Uno dei tanti problemi di piazza Campoboio è sicuramente la sosta selvaggia. Molti automobilisti che intendono recarsi in centro, infatti, schiaffano le auto in ogni dove, invadendo il piccolo piazzale. Date le dimensioni, sono poche le auto che possono entrare e i posti finiscono molto presto. E così, quando si va di fretta, c’è chi pensa di ricavare lo spazio per parcheggiare anche in luoghi impossibili. L’ultimo caso, questa settimana, vede protagonista il proprietario di un suv nero, lasciato direttamente sulle scale dell’ingresso secondario della biblioteca degli Ardenti. Il peso della macchina, di certo, non ha fatto bene alle antiche scale dell’edificio, messe a dura prova. A riprova del fatto che il parcheggio, per alcuni viterbesi, viene prima di tutto e sovrasta anche l’attenzione al patrimonio culturale cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dietro l'Inps mancano i posti auto, e c'è chi parcheggia sulle scale della biblioteca...

ViterboToday è in caricamento