rotate-mobile
RELIGIONI

Gli ortodossi della Tuscia celebrano la Pasqua

È la domenica in cui festeggiano la resurrezione di Cristo. Il presidente della Provincia Alessandro Romoli: "Sia un giorno di gioia, condivisione e riflessione"

È il giorno della Pasqua ortodossa. In festa anche la comunità viterbese, a cui giungono i "più sinceri auguri" del presidente della Provincia Alessandro Romoli: "Che sia una giornata di gioia, condivisione e riflessione".

Il messaggio del presidente della Provincia

"L'occasione - afferma Romoli - è propizia per sottolineare il grande spirito di amicizia che nella provincia di Viterbo caratterizza i legami tra le varie comunità religiose esistenti. Al di là infatti dei diversi riti e calendari, condividiamo con la comunità ortodossa il medesimo amore verso la Tuscia e la volontà di fare del dialogo interreligioso un punto di forza. Proprio poche settimane fa abbiamo festeggiato la Pasqua cattolica. Le due festività ci ricordano un messaggio di pace e fratellanza che, in un contesto internazionale segnato dal ritorno delle guerre, dobbiamo ascoltare con attenzione".

Pasqua ortodossa 2023

Perché la Pasqua ortodossa si celebra oggi

La Pasqua ortodossa e quella occidentale si celebrano in date diverse, solitamente la prima alcune settimane dopo la seconda e sempre dopo la Pasqua ebraica. Quest'anno la Pasqua occidentale è caduta il 31 marzo, più di un mese prima quella ortodossa. Mentre la chiesa cattolica e molte determinazioni protestanti utilizzano il calendario gregoriano, infatti, la chiesa ortodossa adotta quella giuliano. La Pasqua ortodossa è fissata per la prima domenica dopo la prima luna piena che segue l'equinozio di primavera del calendario giuliano (il 21 marzo), che corrisponde al 3 aprile nel calendario gregoriano.

Processione inizio quaresima ortodossa 2024

La comunità ortodossa della Tuscia

Nella Tuscia ci sono chiese ortodosse a Viterbo, Civita Castellana, Montefiascone e Vetralla. Nel capoluogo la prima parrocchia risale al 2005 e da una decina di anni si trova nell'ex chiesa di sant'Ignazio di Loyola, oggi intitolata a san Callinico di Cernica, in via Saffi. È frequentata prevalentemente da fedeli originari di Romania, Bulgaria, Georgia, Ucraina e Serbia. Lo scorso 24 marzo, dalla chiesa in piazza Mario Fani, è partita una processione per celebrare l'inizio della quaresima ortodossa. Quella domenica, da mezzogiorno, ha attraversato le vie del centro storico di Viterbo: da via Saffi a via del Collegio passando per piazza delle Erbe e via dell'Orologio vecchio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli ortodossi della Tuscia celebrano la Pasqua

ViterboToday è in caricamento