UNIRE I CAMMINI

La Regione spinge per la creazione della "Rete dei Cammini del Lazio". Cinque i percorsi selezionati, tra cui la via Francigena

Lo scopo è quello di creare un organismo capace di affiancare l'ente nella promozione turistica

La Regione Lazio ha recentemente approvato una manifestazione d’interesse rivolta alle organizzazioni senza scopo di lucro che operano nel territorio, finalizzata alla costituzione del coordinamento della “Rete dei Cammini del Lazio”. L'iniziativa si propone di censire fondazioni e associazioni che promuovono e valorizzano i percorsi regionali, per poi nominare un loro rappresentante nel coordinamento. L'organismo avrà il compito di affiancare la Regione nella programmazione e attuazione di misure volte a favorire lo sviluppo della Rete.

La collaborazione con le associazioni è vista, dalla Regione, come un elemento cruciale per raggiungere risultati ottimali, grazie alla loro esperienza sul campo. Ad oggi i cammini riconosciuti sono cinque: la Via Francigena, il cammino di San Benedetto, il cammino di San Francesco, il cammino della Luce/Via Amerina e il cammino dei Parchi.

“Con l'approssimarsi del Giubileo 2025, la Regione intende incentivare il turismo religioso, coinvolgendo le organizzazioni che possono contribuire in maniera significativa alla programmazione e gestione delle attività.” sottolinea Daniele Sabatini, capogruppo di Fratelli d'Italia al consiglio regionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione spinge per la creazione della "Rete dei Cammini del Lazio". Cinque i percorsi selezionati, tra cui la via Francigena
ViterboToday è in caricamento