rotate-mobile
FOCUS

Nella Tuscia più arresti e rapine, 30 daspo Willy e 14 braccialetti con divieto di avvicinamento. Immigrati in aumento del 40%

Il questore Fausto Vinci snocciola i dati relativi al consuntivo del 2023 della polizia di stato

“Il 2023 è stato un anno positivo, sono aumentati i controlli e la presenza sul territorio delle forze dell’ordine”. A dirlo è il questore Fausto Vinci, che ha snocciolato i dati dell’anno che sta per finire relativi all’azione della polizia di Stato nella Tuscia.

Il numero complessivo dei delitti commessi è passato da 9487 a 8523, in calo del 10%. Sono però aumentate le rapine, 53, in crescita del 32% rispetto al 2022. In calo, seppur di poco, anche i furti (2583 nel 2023). Sono poi cresciuti del 33% gli arresti, che quest’anno sono stati 113. Di contro, le denunce si sono leggermente abbassate a quota 603. 

Ci sono poi stati 1067 casi di lite, 241 maltrattamenti e 441 furti. Quest’ultimo dato, rispetto al 2022, è aumentato del 62%. Le rapine, invece, sono cresciute del 200%: ce ne sono state 12. 

Interessanti anche i numeri relativi all’anticrimine: nel 2023 sono stati emessi 13 daspo sportivi, 2 daspo urbani e ben 30 daspo Willy (l’anno scorso erano stati soltanto 3, +900%).   

Importante l’attività relativa alla violenza di genere: i divieti di avvicinamento più braccialetto elettronico sono stati 10. In totale, i braccialetti applicati sono stati 14, tra cui quello a Rudy Guede. 4, invece, gli arresti in carcere. 

Sul fronte immigrazione, infine, si registra un aumento del 37% degli stranieri regolari, passati fa 17mila nel 2022 a 23mila nel 2023. In crescita dell’82% anche le espulsioni, 142 a fronte dei 78 degli anni passati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nella Tuscia più arresti e rapine, 30 daspo Willy e 14 braccialetti con divieto di avvicinamento. Immigrati in aumento del 40%

ViterboToday è in caricamento