rotate-mobile
Attualità

"Rifiuti, Viterbo condannata a essere discarica del Lazio: facciamo ricorso al Tar"

La sindaca Chiara Frontini annuncia che il Comune ha dato incarico a un legale di ricorrere contro il parere della Regione sull'ampliamento della discarica

Ampliamento della discarica Le Fornaci, ricorso del Comune di Viterbo al Tar. "È stato dato incarico a un legale - annuncia la sindaca Chiara Frontini - di costituirsi contro il parere della Regione che condanna la città a diventare discarica di tutto il Lazio con un ampliamento dell'invaso di 960mila metri cubi e un milione e 100mila tonnellate in più di rifiuti".

Da palazzo dei Priori dicono "no" al parere regionale ma sono già pronti a un altro ricorso qualora dovesse arrivare il via libera. "È un provvedimento lesivo sia della nostra programmazione che di quella regionale sulla gestione dei rifiuti", afferma Frontini.

La sindaca definisce il ricorso al Tar un "atto forte e un grido politico che arriva dal nostro territorio dopo la posizione, altrettanto molto forte, di tutto il consiglio comunale che mi ha dato mandato di tutelare l'ente e la collettività".

Una mossa, quella della amministrazione, che arriva quando la procedura di ampliamento della discarica è ancora in corso e non conclusa.

La giunta a palazzo dei Priori ha autorizzato "la sindaca a impugnare il parere reso dalla Regione Lazio del 20 giugno 2023 e ogni altro atto e/o provvedimento preparatorio allo stato non noto nonché tutti quelli consequenziali e quindi proporre ricorso davanti al Tar del Lazio contro la Regione e la società Ecologia Viterbo (che gestisce la discarica, ndr)".

Il Comune ha affidato l'incarico all'avvocato Marco Luigi Marchetti, a cui andranno circa 9mila 500 euro. "Questo atto - prosegue Frontini - sia di auspicio per la Regione e per i suoi rappresentanti del territorio a riconsiderare decisioni già in parte prese ma anche quelle future. L'obiettivo è riuscire tutti insieme, in sinergia, a tutelare il territorio".

L'opinione dell'amministrazione sull'ampliamento è chiara e già nota. "Siamo consapevoli - ribadisce Frontini - che sia necessario ma esclusivamente per il fabbisogno del territorio. Viterbo era autosufficiente ma nel tempo è diventata la discarica di tutto il Lazio. Adesso basta. Ampliamento sì ma solo per il nostro fabbisogno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Rifiuti, Viterbo condannata a essere discarica del Lazio: facciamo ricorso al Tar"

ViterboToday è in caricamento