rotate-mobile
TRADIZIONI / Vetralla

Sposalizio dell'albero: a Vetralla la secolare festa tra storia, tradizione e impegno ambientale | FOTO

Il corteo in abiti d'epoca, poi il gesto di sposare due alberi del Monte Fogliano: il bosco resta a Vetralla. Il sindaco Sandrino Aquilani: "Questa festa ci ricorda quanto è importante la difesa del territorio"

Sposalizio dell'albero, a Vetralla si è rinnovata la secolare festa popolare. Il sindaco Sandrino Aquilani ha sottolineato l'importanza della difesa dell'ambiente: "Lo sposalizio dell'albero - ha detto il primo cittadino - ci ricorda quanto sia importante la difesa del nostro territorio, che richiede l'impegno di tutti. La difesa dei boschi e degli spazi naturali è un requisito fondamentale per garantire un ambiente sano per tutti e per il nostro pianeta. Albert Einstein - riporta Aquilani - diceva: "Guarda nel profondo della natura e capirai tutto meglio". Dobbiamo costruire un mondo in cui l'impegno è valorizzato, per poter garantire i sogni di tutti".

GALLERY | Sposalizio dell'albero a Vetralla 2024

Tradizione, passione per il proprio territorio, storia, boschi e appartenenza. Questo è ciò che rappresenta per i cittadini di Vetralla l'8 maggio, giorno in cui si festeggia la secolare festa dello sposalizio dell'albero. Il corteo storico, che ha preso il via alle 9, ha attraversato le principali vie della città per giungere alle 10 nella frazione di Cura e alle 11 a Monte Fogliano, all'eremo di sant'Angelo. Qui, di fronte alle autorità e ai cittadini, si è rinnovato il gesto secolare di sposare simbolicamente due alberi del bosco di Vetralla, ribadendo così la proprietà della città su questa preziosa risorsa naturale. Una cerimonia che si consuma da secoli e in cui la storia si mischia alla leggenda, con data certa a partire dal 1470 ma qualche notizia pare si ritrovi a partire anche dall'anno mille.

Il corteo quest'anno ha presentato delle novità a partire da alcuni accorgimenti sugli abiti e sugli accessori, grazie alla storica dei costumi Elisabetta Gnignera e all'introduzione di un attore narrante come Maurizio Annesi nella veste di Andrea Scriattoli, che delle rievocazioni storiche è anche molto esperto. Al seguito del corteo la banda Ottavio Pistella, gli sbandieratori, i cavalieri e i figuranti in abito d'epoca, quest'anno più di cento.

Lo sposalizio dell'albero si snoda attraverso concetti importanti come quello delle tradizioni, della storia e anche del patrimonio boschivo di cui Vetralla è ricchissima. Un racconto che si tramanda da secoli di generazione in generazione e che avvolge il bosco e la città di una atmosfera unica ed esclusiva. Partecipare è un senso di appartenenza per chi ci vive e una favola delle meraviglie per chi la scopre da turista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sposalizio dell'albero: a Vetralla la secolare festa tra storia, tradizione e impegno ambientale | FOTO

ViterboToday è in caricamento