rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
ACQUE AGITATE

"Talete, dall'amministrazione tante energie per mettere ordine a una situazione disordinata. Non siamo irresponsabili e indifferenti"

In consiglio la sindaca Chiara Frontini risponde ad Alvaro Ricci (Pd) che che chiede spiegazioni sull'assenza del comune in assemblea Ato

"Non stiamo affrontando la questione Talete con indifferenza ma stiamo impiegando tante energie nel cercare di mettere ordine a una situazione che abbiamo trovato disordinata. Non siamo irresponsabili e chiediamo serietà". La sindaca Chiara Frontini dal consiglio comunale parla dell'assenza del comune di Viterbo dall'assemblea dei sindaci Ato incalzata da un'interrogazione urgente del consigliere del Pd Alvaro Ricci. I sindaci Talete, nella riunione di stamani in provincia, sono chiamati a dare il via libera ai provvedimenti per mantenere a galla la società, tra cui l'aumento delle bollette.

L'intervento di Ricci

"L'assemblea oggi è convocata per prendere decisioni importanti. Non è responsabile questo atteggiameno che vuole che il comune di Viterbo non sia presente: la propria posizione, qualsiasi essa sia, deve essere presentata perché non ci si può permettere che altri comuni decidano anche per il nostro. È anche una situazione di comodo perché lei, sindaca, sul fastidioso aumento della tariffa, così può dire che sono stati altri a prendere la decisione. Di questa posizione dell'Aventino, inoltre, il consiglio comunale doveva essere informato. Non ci si può permettere, con l'indifferenza, di far cadere Talete".

La risposta di Frontini

"Il consiglio è stato informato la scorsa settimana, quando è stato ribadito e sottolineato chiaramente che il comune si sarebbe astenuto dall'esprimere la propria posizione se non fosse stato presentato il piano di risanamento. La documentazione è arrivata sabato alle 22,49 per una convocazione fissata per lunedì e martedì, e ditemi se questo è normale... Quanto arrivato, inoltre, è assolutamente lontano da ciò che il comune di Viterbo aveva chiesto. Si tratta di un documento di routine in cui vengono ricordati tutti gli investimenti da fare, finanziari e non. Noi abbiamo chiesto un piano di risanamento che prevede la ricapitalizzazione dei soci. Un piano da portare in consiglio comunale su cui poterci esprimere tutti e dire se vogliamo o meno imbarcarci in un'operazione sostenuta da un serio piano di risanamento. Se lo vogliamo fare, ce ne assumiamo la piena responsabilità.

Secondo me - continua Frontini - il nostro attuale atteggiamento è responsabile, non vogliamo navigare a vista ma chiediamo che la questione sia affrontata seriamente. Il piano non c'è e il comune ha preso una posizione. E quella è, la manteniamo. Non stiamo affrontando la questione con indifferenza, ma stiamo impiegando tante energie nel cercare di mettere ordine a una situazione che abbiamo trovato disordinata. Da parte nostra, quindi, tutt'altro che indifferenza e irresponsabilità. Non siamo pazzi ma seri e chiediamo serietà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Talete, dall'amministrazione tante energie per mettere ordine a una situazione disordinata. Non siamo irresponsabili e indifferenti"

ViterboToday è in caricamento