rotate-mobile
POLEMICHE SOCIAL

Vende le foto di Mussolini a 200 euro su un gruppo Facebook: è bufera

Una donna del Viterbese decide di vendere le foto del duce, polemiche per l’annuncio sui social

Più di una volta, scrollando il vostro feed di Facebook, vi sarete sicuramente imbattuti in uno di quei gruppi “vendo, regalo o scambio”. Al loro interno si può trovare letteralmente di tutto, da utensili o arredi per la casa agli attrezzi da lavoro, da oggetti personali come orologi e collane a gioielli dal costo elevato per finire a macchine, moto, telefoni, computer e via discorrendo. Ma in questi bazar virtuali, spesso, si trovano anche dei cimeli storici autentici. Ne sa qualcosa una signora di Viterbo, che in uno di questi gruppi (“Vendo, regalo o scambio a Viterbo”, oltre 70mila iscritti) ha messo in vendita al prezzo di 200€ tondi tondi due foto di Benito Mussolini, finendo nel bel mezzo di una polemica.

L’annuncio su un gruppo Facebook: foto di Mussolini in vendita a 200€-2

Molto spesso, difatti, gli utenti iscritti ai gruppi, ma anche quelli che ne visualizzano i contenuti tra i suggeriti dall’algoritmo, anche se non sono interessati all’annuncio commentano esprimendo la loro opinione. In genere si tratta di osservazioni sullo stato dell’oggetto in vendita oppure sul prezzo, ma stavolta si è finiti a discutere sul prodotto in sé. Del resto, quello di Mussolini non è certamente un volto che passa inosservato e genera da sempre divisioni anche feroci tra gli italiani e i viterbesi in questo caso. 

Sotto al post, alcuni naviganti hanno espresso la loro opinione sul personaggio, ma c’è anche chi ha voluto dirlo chiaramente: “Io mi vergognerei a vendere una foto di Mussolini”. La signora, proprietaria delle immagini, si è difesa: “Sto vendendo una foto e basta”. E c’è chi l’ha difesa: “Signora, ignori le follie umane”. Qualcuno, infastidito, chiede anche il motivo per cui la donna abbia messo in vendita le foto del duce e la risposta è stata lapidaria: “Che ti cambia?”. Fatto sta che ad ora il post non è più visibile, come in genere accade per i prodotti che vengono ceduti o acquistati. Evidentemente i commenti conditi da polemiche devono aver generato una sorta di effetto pubblicitario all’annuncio, spingendo un acquirente a pagare - non è chiaro se per i 200€ stabiliti o per un’altra somma pattuita successivamente - le controverse foto mussoliniane. Vista la cifra, non proprio bassa, fissata dalla venditrice, è lecito aspettarsi che le foto abbiano un valore storico e che dunque non siano una stampa recente, ma questo lo scoprirà soltanto chi le ha comprate, magari avvalendosi della consulenza di un esperto. All'interno dell'annuncio, infatti, non era presente una descrizione accurata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vende le foto di Mussolini a 200 euro su un gruppo Facebook: è bufera

ViterboToday è in caricamento