rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
REGALO ALLA CITTÀ / Centro Storico / Via Guglielmo Marconi

Via Marconi e il Sacrario tornano in mano ai viterbesi: il Natale scaccia degrado e criminalità

Una folla di viterbesi e turisti ha invaso il centro storico. Nella speranza che non si tratti di un fuoco di paglia, ora la città chiede un nuovo piano del traffico per evitare ingorghi

Il più bel regalo che la città potesse trovare sotto l’albero di Natale non poteva che essere quello di riabbracciare via Marconi e il Sacrario, finalmente libere dal degrado, dall’incuria e dalla criminalità. Le due zone, nel cuore del centro storico, sono state ravvivate in occasione delle festività natalizie grazie al mercatino tipico e alle attrazioni installate davanti alla chiesa degli Almadiani. Ieri, nel giorno dell’inaugurazione del ricco programma che accompagnerà la città all’Epifania, il boulevard e la piazza sono tornate ad ospitare centinaia di turisti, famiglie, bambini e ragazzi di tutte le età. Una botta di vita attesa da molto tempo dai cittadini.

Folla di viterbesi e turisti in centro storico per il Natale

Per il ponte dell’Immacolata, Viterbo ha registrato un sorprendente sold out delle attività ricettive. Sia quelle all’interno delle mura che fuori. Dall’8 al 10 dicembre, infatti, sono attesi migliaia di visitatori. E via Marconi, assieme al Sacrario, sono un ottimo biglietto da visita. Le 22 casette in legno che animano il mercatino, quest’anno in versione puramente natalizia, hanno convinto viterbesi e forestieri. Idem la pista di pattinaggio, ormai divenuta un immancabile must. Far tornare i luoghi in mano alla collettività ha avuto, per il momento, i suoi frutti: la folla, curiosa di vedere il centro addobbato e vestito a festa, ha scacciato via chi in genere frequenta quegli spazi per ben altri scopi.  

Mercatino in via Marconi | L’inaugurazione

Una strategia, questa, che i cittadini si augurano non sia solo un fuoco di paglia in occasione del Natale. La pedonalizzazione totale del boulevard che collega il Sacrario a piazza Verdi sembra aver funzionato, facendo riempire i parcheggi esterni alle mura. Unica macchia la viabilità: il traffico, ancora una volta, per diverse ore è stato letteralmente congestionato nel quadrante Nord della città, all’altezza dei parchi commerciali San Lazzaro e Città dei Papi. Per questo, oltre ad una via Marconi rinnovata e ad un Sacrario ripulito sotto l’albero, i viterbesi sperano di trovare nella calza della Befana un nuovo piano della mobilità urbana. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Marconi e il Sacrario tornano in mano ai viterbesi: il Natale scaccia degrado e criminalità

ViterboToday è in caricamento