rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
DIMORE STORICHE

Villa Lante e Palazzo Farnese, le dimore storiche della Tuscia domenica aperte al pubblico | FOTO

Un'occasione unica per visitare le dimore storiche del territorio, domenica 3 marzo visita gratuita

Due meravigliose dimore della Tuscia aperte al pubblico, un'occasione unica per vedere le dimore storiche conosciute in tutta Italia, grazie anche ai set cinematografici, pubblicitari e al marketing del territorio. Villa Lante di Bagnaia e Palazzo Farnese di Caprarola saranno visitabili domenica 3 marzo, con ingresso gratuito, su iniziativa del Mibact.

VILLA LANTE BELLA PANORAMICA

Villa Lante

Villa Lante si compone di due palazzine, pressoché identiche, anche se costruite da proprietari diversi in differenti periodi. Fu il cardinale Gianfrancesco Gambara a dare il proprio nome alla prima. Dopo la sua morte, avvenuta nel 1587, gli successe il nipote di papa Sisto V, il cardinale Alessandro Peretti di Montalto, che completò il progetto e costruì la seconda. Ideata da Jacopo Barozzi da Vignola, la sua costruzione cominciò nel 1511 ma fu portata a termine intorno al 1566 su commissione del cardinale Gianfrancesco Gambara. Tuttavia la villa non ha acquisito questo nome se non quando, nel XVII secolo, passò nelle mani di Ippolito Lante Montefeltro della Rovere. Intorno alla struttura uno dei più famosi giardini italiani manieristici del XVI secolo che con i loro spettacolari giochi d'acqua, cascate e fontane costituiscono la principale attrazione.

Villa Lante e Palazzo Farnese

Palazzo Farnese

Palazzo Farnese di Caprarola inizialmente doveva avere caratteristiche difensive, e il progetto per una residenza fortificata venne affidato ad Antonio da Sangallo il Giovane dal cardinale Alessandro Farnese il Vecchio. I lavori iniziarono nel 1530, ma furono sospesi nel 1546 a causa della morte del Sangallo. Il cardinale Alessandro il Giovane, insediatosi a sua volta a Caprarola, volle riprendere il progetto del nonno ed affidò il cantiere al Vignola che modificò radicalmente il progetto originale. La costruzione, pur mantenendo la pianta pentagonale dell'originaria fortificazione, venne trasformata in un imponente palazzo rinascimentale, che divenne poi la residenza estiva del cardinale e della sua corte. Alla villa è annesso uno splendido giardino tardo-rinascimentale, realizzato attraverso un sistema di terrazzamenti collegati dal Vignola con la residenza attraverso dei ponti.

Palazzo Farnese-3

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Lante e Palazzo Farnese, le dimore storiche della Tuscia domenica aperte al pubblico | FOTO

ViterboToday è in caricamento