rotate-mobile
Attualità

"Il silenzio parla". L'iniziativa Coop contro la violenza di genere

Nei punti vendita Coop Amiatina è possibile acquistare la confezione di biscotti in edizione speciale

Rompere il silenzio, rifiutare la violenza, trovare la forza per lanciare un grido di aiuto, è l’invito che Coop rivolge a tutte le donne con l’iniziativa Il silenzio parlapromossa in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.

Dal 13 novembre, anche nei punti vendita Coop Amiatina, è possibile contribuire acquistando la confezione di biscotti in edizione speciale e la borsa dedicata. Parte del ricavato di vendita verrà donato ai centri antiviolenza in Toscana e Lazio e all’associazione Differenza Donna. Il prodotto simbolo di questa campagna sono i frollini a marchio Coop che, per l'occasione, sono in vendita in una confezione speciale che riporta in evidenza il numero 1522 - da contattare in caso di emergenza - e un qr code. Inquadrando il codice con la fotocamera del cellulare gli utenti potranno approdare sulla pagina web dove Coop, con la collaborazione di Differenza Donna, dà spazio al alcune storie vere di violenza interpretate da attrici. "L'invito - spiegano i promotori - è sempre il solito. Se anche voi vivete o siete a conoscenza di vicende simili, chiamate il 1522".

Insieme ai biscotti, sarà in vendita anche la nuova shopper Coop che porta la firma dell’illustratrice e designer italiana Elisa Puglielli. Per ogni confezione venduta verranno donati 30 centesimi alle associazioni della Toscana e del Lazio impegnate sul tema della violenza contro le donne, mentre per ciascuna borsina venduta 50 centesimi verranno devoluti ai progetti di Differenza Donna. L’iniziativa è una nuova tappa di Close the Gap, la campagna Coop fatta di azioni e impegni concreti avviata nel 2021 per promuovere la parità di genere e ridurre le differenze coinvolgendo i consumatori, i soci, i dipendenti e i fornitori di prodotto a marchio.

"Con la campagna “Il silenzio parla” vogliamo lanciare un messaggio di speranza a tante donne che si trovano in situazioni di quotidiana violenza - spiega Irene Mangani, vicepresidente Legacoop Toscana - si può uscire dall’isolamento, si può chiedere aiuto per avere informazioni, supporto e per farsi accompagnare verso una nuova vita libera dalla violenza grazie al servizio 1522 e ai tanti Centri antiviolenza. Le cooperative di consumo toscane sono al fianco dei centri antiviolenza e di tutte le realtà che sono impegnate nel contrasto alla violenza di genere, un tema sul quale tutti siamo chiamati ad agire: lanciamo un invito a soci e clienti che, con l’acquisto di un prodotto, possono fare un gesto concreto per supportare chi opera in prima linea contro il fenomeno della violenza".

Che cos'è il 1522

Il numero di pubblica utilità̀1522 contro la violenza e lo stalking, messo a disposizione dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, offre un sostegno alle vittime di violenza. Attivo 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno, è accessibile sull’intero territorio nazionale gratuitamente, sia da rete fissa che mobile, via telefono o chat. L’accoglienza è disponibile nelle lingue italiano, inglese, francese, spagnolo, arabo, farsi, albanese, russo, ucraino, portoghese e polacco. Chi contatta il servizio, gestito dalle esperte in violenza di genere di Differenza Donna, è protetto dall’anonimato e gode della massima riservatezza: le operatrici forniscono una prima risposta offrendo ascolto, informazioni utili e orientamento, se serve anche grazie a figure specializzate come avvocate e psicologhe. In questa prima fase, inoltre, il 1522 fa anche una valutazione del rischio di recidiva e di femminicidio, per indirizzare in modo corretto le donne verso i diversi servizi sociosanitari pubblici e privati presenti sul territorio, dove possono essere protette e sostenute. Strutture come i Centri Antiviolenza (Cav), ma anche le forze dell’ordine e le case rifugio. Compito del 1522 è, infatti, anche quello di segnalare casi urgenti che mettono a repentaglio la vita della vittima. Ogni giorno al numero gratuito arrivano in media circa 200 segnalazioni, 58 mila all’anno, con picchi di 280 contatti quando si parla di più del tema, come il 25 novembre: telefonate, ma anche messaggi via App, scrivendo in chat. A scrivere e chiamare sono anche, in molti casi, amici o parenti della vittima che conoscono una situazione critica e vogliono capire come muoversi per essere d’aiuto.

I numeri della violenza

L’ultimo rapporto del dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno dice che la violenza sessuale, in tutte le sue forme, negli ultimi dieci anni registra una crescita del 40%, con 6.291 eventi nel 2022 a fronte dei 4.488 del 2013. Vittime degli abusi sessuali sono quasi per il 90% donne e, in un terzo dei casi, minorenni; oltre la metà ha meno di 24 anni.I reati, sottolinea il Ministero, sono stati denunciati in tutto il territorio nazionale, a eccezione di Valle d’Aosta, Molise e Basilicata, ma emerge una maggiore concentrazione nelle regioni del nord. Una quota relativamente piccola degli episodi di violenza sessuale (129 nel 2022, circa il 2%) avviene a opera di un gruppo. Quanto ai numeri effettivi, si stima siano molto più elevati. Secondo un sondaggio sulla violenza di genere realizzato questa estate da Swg per il Tg La7, al 64% delle donne è capitato di subire molestie e attacchi sessuali: il 59% ha ricevuto apprezzamenti sessuali non graditi, il 35% si è sentita in pericolo temendo un’aggressione sessuale, il 26% è stata toccata nelle parti intime contro la sua volontà̀, il 24% è stata baciata senza che lo volesse. La coop Unione Amiatina è presente con 28 punti di vendita nelle provincie di Grosseto, Siena, Pisa, Firenze e Viterbo. Dati al 31/12/2022: fatturato 91 milioni di euro, 49.736 soci e 327 dipendenti tra Full-time e Part-time

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il silenzio parla". L'iniziativa Coop contro la violenza di genere

ViterboToday è in caricamento