rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Giardino

E' ancora tempo di docce...in giardino (o in terrazzo): come costruirne una

Estate in fase finale, ma le belle giornate permettono ancora di fare una bella doccia...in giardino o in terrazzo

Estate in fase finale, ma le belle giornate permettono ancora di fare una bella doccia...in giardino o in terrazzo. Se non avete un impianto, sappiate che per l'anno prossimo si può realizzare con costi decisamente alla portata.  

Una doccia per ogni ambiente

La doccia da giardino, oltre ad essere utile all’esterno diventa l’oggetto indispensabile da avere con noi se amiamo fare camping. Se vogliamo fare la scelta giusta, dobbiamo sapere che in commercio esistono:

Doccia mobile: versatile e pratica, è il modello migliore se abbiamo poco spazio all’esterno o se pratichiamo il camping perché può essere posizionata dove vogliamo, inoltre, durante la stagione più fredda, ci basterà smontarla e conservarla pronta per essere riutilizzata l’estate successiva. La caratteristica di questa specifica tipologia è che è dotata di un serbatoio in cui è contenuta l’acqua che rimane calda grazie a un sistema di pannelli che la riscaldano attraverso i raggi del sole

Doccia fissa: ideale se abbiamo un esterno ampio, ha il vantaggio di avere un piatto doccia, che permette di convogliare l’acqua senza bagnare il pavimento. Se la utilizziamo spesso, possiamo scegliere il modello dotato di lavapiedi, utile per evitare di sporcare l’interno quando rientriamo dal giardino. Alimentate attraverso l’impianto idrico domestico o l’irrigazione del giardino, anche queste possono riscaldare l’acqua attraverso un sistema di pannelli fotovoltaici che oltre a garantire sempre acqua calda, assicurano un netto risparmio in bolletta. Se scegliamo questo tipo di riscaldamento, meglio costruire la doccia in una zona facilmente raggiungibile dai raggi solari

I materiali

Le docce da esterno, soprattutto quelle fisse, sono esposte alle intemperie e al sole, per questo la scelta dei materiali non deve essere fatta con leggerezza. L’acciaio, il PVC e l’alluminio sono quelli più utilizzati perché resistono meglio al tempo e all’usura. Anche il legno è tra i materiali più sfruttati, ma anche se bello ed elegante, ha bisogno di una manutenzione maggiore rispetto agli altri. Nella scelta del materiale gioca un fattore determinate l’impiego, infatti, se la usiamo spesso, meglio puntare su un modello realizzato con materiali di qualità, durevoli e in grado di resistere alla muffa, al calcare e ai batteri.

Serbatoio e soffione

Le docce mobili sono alimentate con un serbatoio d’acqua, quindi la capacità è importante e ha un volume variabile tra i 20 e i 40 litri. La soluzione migliore è quella di puntare su un modello con un serbatoio grande per avere più acqua a disposizione ed evitare di riempirlo costantemente. Il limite di questo modello è che occupa più spazio e l’acqua impiega più tempo a scaldarsi. Un altro aspetto centrale della doccia è il soffione, i più utilizzati sono quelli con getto a pioggia, ma se vogliamo un modello in grado di assecondare ogni esigenza possiamo scegliere quella che combina vari tipi di getto e concederci un piccolo momento di relax.

Prodotti online

Doccia solare da giardino 35 litri

Doccia da giardino con miscelatore

Doccia da giardino con getto a pioggia

Doccia con lavapiedi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' ancora tempo di docce...in giardino (o in terrazzo): come costruirne una

ViterboToday è in caricamento