rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Sicurezza

Cinque oggetti da sostituire frequentemente in cucina: quali sono e perché

Dalle spugne ai cucchiai in legno, scopriamo quali sono quegli oggetti che, per deterioramento o nidificare di germi e batteri, andrebbero sostituiti spesso

Quando si parla d'igiene in casa, una delle stanze che saltano in mente per prime è la cucina. Qui l'eccesso di pulizia e gli scrupoli su eventuali agenti contaminanti non sono mai troppi. A questo proposito è utile conoscere quali sono gli oggetti che dovrebbero essere sostituiti frequentemente perché terreno fertile per il proliferare dei batteri.

Eccone cinque che devono essere sostituiti frequentemente.

Spugne da cucina

Le spugne da cucina sono un accessorio che tende a diventare ricettacolo di germi e batteri se non disinfettato accuratamente e spesso. Prestate, dunque, attenzione alla pulizia delle vostre spugne e, in caso di odore forte e deterioramento, cambiatele subito.

Strofinacci

Ecco un altro "luogo" tanto amato dai batteri. Gli strofinacci spesso restano umidi dopo che abbiamo asciugato i piatti o ci siamo asciugati le mani e diventano l'ambiente preferito per il proliferare dei patogeni. Per questo è fondamentale cambiarli ogni 3-4 giorni lavandoli ad alte temperature in lavatrice.

Tagliere

Il tagliere, che sia in plastica o in legno, è un utensile indispensabile nelle preparazioni culinarie. Viene usato per tagliare verdura, frutta, carne, pesce, frutta secca, pane e tanto altro e, proprio per il suo uso quotidiano, anche il cambio dovrebbe essere frequente. Il tagliere andrebbe cambiato almeno una volta all’anno. Qui i batteri possono proliferare dove non arrivano acqua e sapone, ovvero nelle fessure e nei tagli della superficie.

Cucchiai di legno

Ottimi per girare pietanze calde e fredde, tendono a deteriorarsi più di quelli in metallo o plastica, per questo devono essere cambiati almeno ogni 5 anni. In caso compaiano crepe, oppure si brucino, o ancora cambino colore, andranno sostituiti anche prima.

Tappetino scolapiatti

In molti sono soliti mettere un tappetino scolapiatti sul piano del lavello. E' una buona abitudine ma, anche in questo caso, la superficie del tappetino tenderà a raccogliere germi e batteri se non pulito costantemente e lasciato asciugare all'aria. E' bene sostituirlo almeno una volta l'anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinque oggetti da sostituire frequentemente in cucina: quali sono e perché

ViterboToday è in caricamento