Domenica, 14 Luglio 2024
INCUBO AVIARIA / Grotte di Castro

Folaghe morte sul lago di Bolsena, si teme un'epidemia: indaga l'Istituto zooprofilattico

Una distesa di carcasse ritrovate sulla spiaggia a Grotte di Castro: al lavoro per scoprire le cause

In riva al lago di Bolsena sono state rinvenute ben 17 carcasse di folaghe, morte in circostanze ad oggi misteriose. Il ritrovamento ha avuto luogo a Grotte di Castro, in una porzione di spiaggia grande circa 200 metri. Allertati da diverse segnalazioni pervenute ai centralini, i veterinari della Asl di Viterbo e i carabinieri forestali sono giunti sul posto per raccogliere le carogne e inviarle prontamente all'Istituto zooprofilattico sperimentale del Lazio e della Toscana, dove gli esperti condurranno delle analisi per comprendere le cause dei decessi. Il tutto come previsto dal protocollo di sicurezza.

Al momento è ancora presto per formulare delle ipotesi fondate ma, secondo quanto circola nei comuni lacuali, altre carcasse sarebbero state individuate anche in altri paesi che affacciano sul lago di Bolsena. Tra i cittadini, che hanno anche parlato di una strana assenza di anatre nelle acque, si è sparsa la voce che, alla base della moria delle folaghe, ci possa essere un'epidemia aviaria. Tuttavia dalla Asl fanno sapere che è ancora presto per parlare delle possibili cause e che, nel giro di pochi giorni, dall'Istituto zooprofilattico dovrebbero arrivare i primissimi responsi.

Di certo, il decesso di così tanti esemplari potrebbe non essere un fatto usuale, tantomeno naturale. Così come potrebbe essere possibile che le folaghe siano morte per mano, diretta o indiretta dell'uomo, anche se, essendo specie protetta, i cacciatori non possono sparare loro, a maggior ragione se in prossimità del lago. Secondo alcuni, questa strage potrebbe essere legata all'utilizzo delle reti da pesca ma anche qui siamo nel campo delle congetture. C'è anche l'eventualità che possa trattarsi di un fenomeno naturale, magari dettato dalle forti correnti che hanno interessato il lago negli ultimi giorni. A breve, comunque, arriverà una prima risposta dalle analisi e l'Asl si è detta già pronta a intervenire nel caso in cui fosse necessario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Folaghe morte sul lago di Bolsena, si teme un'epidemia: indaga l'Istituto zooprofilattico
ViterboToday è in caricamento