rotate-mobile
Cronaca

Natale da incubo per una donna vittima dell'ex: lei si barrica in camera, lui sfonda la porta e la aggredisce (di nuovo)

L'uomo ha violato il divieto di avvicinamento e si è scagliato anche contro proprietari di casa e poliziotti. È finito in carcere

Natale da incubo per una donna vittima dell'ex compagno che l'ha aggredita. I poliziotti della squadra volante sono intervenuti in un appartamento in via dei Mille, nel centro storico di Viterbo, a seguito della richiesta di aiuto al numero unico di emergenza 112 da parte della donna, di origine ucraina. Gli agenti hanno fermato un 43enne di nazionalità georgiana, già noto in quanto arrestato un anno fa per maltrattamenti ai danni della stessa vittima.

Stando a quanto riporta la questura, l'uomo, "visibilmente alterato dal verosimile abuso di sostanze alcoliche", si sarebbe scagliato contro i poliziotti sferrando violenti calci e pugni e provocando a uno di loro lesioni alla mano. Prima dell'arrivo degli agenti, avrebbe sfondato una porta all'interno dell'abitazione per raggiungere la ex compagna nella stanza dove si era barricata per paura. Inoltre avrebbe picchiato i proprietari dell'immobile, una coppia conoscente della vittima e presente in casa per festeggiare il Natale. L'uomo avrebbe ferito alla mano la donna, che è stata soccorsa in ospedale: 30 giorni di prognosi per una lesione tendinea.

L'uomo, già gravato dal divieto di avvicinamento alla parte offesa con obbligo di permanenza nel comune di residenza e divieto di lasciare la dimora nelle ore notturne, è stato arrestato per atti persecutori, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale e portato nel carcere di Mammagialla a disposizione dell'autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Natale da incubo per una donna vittima dell'ex: lei si barrica in camera, lui sfonda la porta e la aggredisce (di nuovo)

ViterboToday è in caricamento