rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
DEGRADO / Ellera

"Baby gang" in azione all'Ellera: sassi contro negozio, colpita in faccia la titolare

Gruppo di minorenni rischia di farla grossa. Il racconto dei testimoni oculari

Ancora una storia di follia con protagonisti minorenni appartenenti a una presunta baby-gang. Stavolta il teatro del fatto di cronaca è il quartiere Ellera, zona nord della città a pochi chilometri dal centro storico. Un sobborgo densamente popolato, con abitazioni residenziali ma anche diverse attività. E, nel mirino della banda di ragazzini, è finita proprio la titolare di un negozio, vittima di una sassaiola.

In realtà, secondo testimonianze raccolte da ViterboToday, gli episodi di violenza nei confronti della famiglia che gestisce il piccolo esercizio commerciale si ripeterebbero da alcune settimane. I giovani, senza un motivo apparente, avrebbero cominciato tirando pietre sulle vetrine e sulle saracinesche, rischiando più volte di frantumarle.

Il fatto più grave, però, si sarebbe consumato sabato scorso, quando, durante l'ennesima pioggia di sassi contro il suo negozio, la titolare sarebbe uscita per rimproverare i ragazzi che, forse per errore, l'avrebbero colpita in pieno volto. La ferita, fortunatamente non grave, avrebbe causato una copiosa fuoriuscita di sangue, tanto che alcuni tra residenti e avventori di un bar vicino avrebbero cercato di convincere la signora a chiamare un'ambulanza.

La proprietaria del negozio non avrebbe sporto denuncia per l'accaduto. Anche se quanto successo viene confermato da altri imprenditori della via che, diverse volte, avrebbero visto la baby-gang compiere la sassaiola, in alcuni casi richiedendo anche l'intervento delle autorità.

Secondo i racconti degli abitanti e dei negozianti del posto, il gruppo protagonista del lancio di pietre sarebbe composto da minorenni di varie etnie, tutti viterbesi e residenti in città.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Baby gang" in azione all'Ellera: sassi contro negozio, colpita in faccia la titolare

ViterboToday è in caricamento