rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
GIORNO DELLA VERITÀ

Assessorato all'Urbanistica, Aronne riferisce in comune sull'assunzione del suo socio

L'assessore - architetto oggi dovrebbe parlare in consiglio comunale e spiegare le sue ragioni

Quella di oggi dovrebbe essere la giornata di Emanuele Aronne, l’assessore all’Urbanistica del Comune di Viterbo finito al centro di un vero e proprio caso. Il condizionale è d’obbligo, dato che, in questa storia, di scontato non c’è nulla. 

Aronne è finito nel mirino delle critiche per aver assunto, all’interno del proprio staff, un giovane architetto, Matteo Caprini, che sarebbe suo socio nella sua azienda, la EAA, di cui l’assessore era allora amministratore unico. Anche qui il condizionale è d’obbligo perché la fonte, ossia una visura camerale richiesta e divulgata da Pd e Lega, potrebbe essere stata soggetta a cambiamenti da ottobre ad oggi. Secondo la tesi di Alvaro Ricci ed Andrea Micci, i consiglieri che hanno sollevato il caso, “alla data dell’assunzione (21 settembre, ndr) sarebbero stati in essere rapporti patrimoniali tra i due”. Tuttavia, a fine ottobre è comparsa una variazione societaria: Aronne non figurava più amministratore, però l’assunto era ancora socio. La situazione, come si può intuire, è del tutto ingarbugliata. Tra l’altro, nella peggiore delle remote ipotesi, l’opposizione potrebbe anche chiedere di verificare che la variazione non sia retrodatata. Questo perché, stando a quanto riportato da fonti interne alla minoranza, non sarebbe stata ancora allegata l’autocertificazione firmata da Caprini, nella quale questo avrebbe dovuto assicurare di non essere in posizione di conflitto d’interessi.

Aronne, dal canto suo, da settembre ad oggi non ha rilasciato alcun tipo dichiarazioni. Solo che il caso si è acceso come una miccia e, adesso, bisogna per forza uscire dalla trincea del silenzio. Quantomeno per rispondere alle domande, non tanto quelle che vagheggiano un conflitto d’interessi quanto quelle che sollevano questioni di opportunità politica. Portavoce della minoranza ieri hanno fatto capire che oggi, in Consiglio comunale, l’architetto e politico - anni fa legato alla Margherita ed ora iscritto ad Italia Viva - parlerà. Salvo clamorose marce indietro maturate nottetempo, la scelta di Aronne dovrebbe essere stata dettata dalla volontà di far trascrivere la sua difesa agli atti ufficiali, dunque nel verbale di Consiglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assessorato all'Urbanistica, Aronne riferisce in comune sull'assunzione del suo socio

ViterboToday è in caricamento