rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Cronaca

LUTTO IN CITTÀ | È morta Claudia Baccello, artigiana e commerciante del Pilastro: "Esempio di dignità, coraggio e amore"

Molto conosciuta a Viterbo, aveva 51 anni. Domani i funerali. Tanti i ricordi, dalla sindaca al Pianoscarano di cui era tifosa: "Sempre piena di vita, non ha mai perso il sorriso"

Lutto a Viterbo per la morte di Claudia Baccello. Aveva solo 51 anni e si è spenta oggi, mercoledì 29 novembre, all'hospice di Villa Rosa per un male incurabile. Era molto conosciuta, stimata e benvoluta in città. Era un'artigiana e commerciante, da anni titolare della tipografia Copy express all'angolo tra via Francesco Cristofori e via Rossi Danielli.

La ricorda, tra i tanti, la sindaca Chiara Frontini. Non solo come prima cittadina ma anche come amica. "La scomparsa di Claudia Baccello ci lascia un vuoto immenso. Ci ha coccolati per anni ad Eurozoom - Progettazione europea con una positività inscalfibile, anche in queste ultime settimane. Hai condiviso con noi tanti progetti, il nostro matrimonio, la nascita di Tuscia incantata, l'ultima campagna elettorale. 

La tua forza d'animo - prosegue Frontini - è d'esempio per tutti coloro che si lagnano pur avendo tanto, che si compiangono o si commiserano per cose futili perché tu, nonostante di motivi per lamentarti e odiare la vita ne avresti avuti a iosa, non hai mai abbandonato il sorriso e hai sempre dato, anche togliendo a te stessa. Ciao Cla', oggi Viterbo è un po' più povera".

Baccello lascia il marito Andrea e il figlio Jacopo Barzellotti, i genitori Maria e Alvaro, il fratello Stefano. Per i funerali, che si terranno alle 15 di domani nella chiesa del Sacro cuore, la famiglia non ha chiesto fiori ma offerte da destinare a opere di bene.

Una vita dedicata al lavoro e agli affetti quella di Baccello, che era anche una grande tifosa del Pianoscarano. "È grazie al Pianoscarano che è nato il nostro legame - ricorda il club -. Proviamo a dare voce a una comunità che hai amato, ti ha amata e che ti riservava ormai quasi una standing ovation quando ti vedeva arrivare in tribuna, tremante ma sempre piena di vita. È un risveglio pieno di malinconia il nostro. Un buongiorno sussurrato a denti stretti e uno sguardo che fatica ad alzarsi per cercare la luce a questo nuovo giorno che sta per nascere. 

Nonostante la malattia ti stava togliendo tutto - prosegue il Pianoscarano -, lo scorso anno non ci hai mai abbandonato. Avevi paura. Dicevi che la tua testa vedeva i mostri ma che eri al campo perché con noi ti sentivi bene e al sicuro. Eri diventata ormai il nostro amuleto e il Pianoscarano faticava sempre a ingranare prima del vederti sbucare. Il tuo arrivo in tribuna era diventata ormai la partita nella partita: "Diretto' è arrivata la Claudia".

Sei stata un esempio di coraggio, dignità e amore - conclude il Pianoscarano -. Andrea non ti ha lasciato un solo istante, assecondando ogni tua richiesta. Che tutti i ricordi che avevi di Pianoscarano ti possano accompagnare anche in questa nuova vita e, mi raccomando, non distrarti mai perché la squadra quest'anno ha ancora più bisogno di te".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LUTTO IN CITTÀ | È morta Claudia Baccello, artigiana e commerciante del Pilastro: "Esempio di dignità, coraggio e amore"

ViterboToday è in caricamento