rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca

Detenuto morto dopo un lungo sciopero della fame

Il decesso nel reparto di medicina protetta di Belcolle dove l'uomo è stato ricoverato coattivamente in seguito alla protesta

Detenuto morto dopo un lungo sciopero della fame. Il decesso è avvenuto nella notte dell'Epifania nel reparto di medicina protetta di Belcolle dove l'uomo, il 65enne Stefano Bonomi, era stato ricoverato coattivamente su disposizione del magistrato proprio a seguito della protesta intrapresa, lei cui ragioni al momento non sono note.

L'uomo è arrivato nella struttura dell'ospedale di Viterbo dedicata ai detenuti dal carcere di Rieti, dove era recluso in attesa di giudizio, il 3 gennaio scorso. Nonostante non mangiasse più da tempo, sarebbe sempre rimasto lucido e sul suo stato di salute famiglia, avvocato e giudice sarebbero stati costantemente informati.

A Belcolle il 65enne è stato sottoposto ad alimentazione forzata e gli sono stati fatti tutti gli esami e gli accertamenti del caso, ma alle 2 della notte del 6 gennaio è morto. Sulla salma non è stata disposta l'autopsia, e pertanto è stata restituita alla famiglia.

In occasione dell'inizio del nuovo anno il Garante dei detenuti del Lazio Stefano Anastasia affrontando i temi del sovraffollamento, dei suicidi e delle morti in carcere ha detto: "Di fronte a queste tragedie e all'infausta prospettiva che esse disegnano, di un altro annus horribilis, veramente a nulla servono le solite litanie sui fasti futuri dell'edilizia penitenziaria finanziata dal Pnrr o la minaccia di nuove pene e sanzioni a chi è già in carcere. La verità è che, inseguendo demagogicamente la carcerazione della qualunque, il sistema penitenziario si avvita in una crisi senza prospettive, fomentata da una politica della sicurezza che produce solo più insicurezza, non offrendo nulla a chi viene costretto in carcere anche per reati da niente e che non ne potrà venire fuori che più solo, disperato e disponibile a qualsiasi cosa per sopravvivere".

Per Anastasia, "invece di inseguire la chimera di nuovi istituti e nuovi padiglioni detentivi, che saranno pronti – se va bene – tra anni, invece di promettere assunzioni di personale che non saranno mai sufficienti se la popolazione detenuta continua a crescere, bisognerebbe fare una valutazione credibile di quante persone il nostro sistema penitenziario possa effettivamente ospitare, garantendo spazi, servizi, prese in carico, opportunità rieducative, e tracciare una linea, restituendo gli autori di reati minori e i condannati a fine pena al territorio. Un territorio arricchito di nuovi servizi sociali, formativi e sanitari capaci di intercettare i bisogni di sostegno prima che, in loro assenza, si manifestino in forme di devianza penalmente rilevante".

"Intanto - conclude Anastasia -, nel mentre che la politica si chiarisca le idee, non resta che continuare a operare "per dare speranza e dignità a chi è in carcere", fidando anche nella rinnovata attenzione che può venire dalla giurisdizione quando ha il merito di riconoscere questioni dimenticate, come l'oggettivo trattamento inumano e degradante costituito dal sovraffollamento o la natura discriminatoria della cancellazione della indennità di disoccupazione per i detenuti che hanno lavorato alle dipendenze dell'amministrazione penitenziaria. Segnali di speranza di un mondo che può andare diversamente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Detenuto morto dopo un lungo sciopero della fame

ViterboToday è in caricamento