rotate-mobile
L'INDAGINE / Montalto di Castro

Bracciante agricolo morto nei campi a Montalto di Castro: arrestati padre e figlio

Domiciliari e braccialetto elettronico per due imprenditori agricoli: gravi e numerosi i capi d'accusa

I carabinieri della Compagnia di Tuscania, coadiuvati dai colleghi della Compagnia di Nola e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Viterbo, hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal G.L.P. presso il Tribunale di Civitavecchia su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di due soggetti campani, indagati per omicidio colposo, per la morte di un bracciante agricolo tunisino di anni 57, avvenuta il 21 luglio scorso presso l'ospedale di Viterbo, due giorni dopo il ricovero in pronto soccorso a Tarquinia, in condizioni cliniche già disperate (con febbre alta e disidratazione).

"Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, realizzati attraverso lo sfruttamento dei lavoratori, approfittando del loro stato di bisogno, impiego di manodopera clandestina, violazione di qualsivoglia normativa sull'orario di lavoro ed in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro - fanno sapere i carabinieri con una nota alla stampa - E questo il quadro accusatorio contestato dalla Procura della Repubblica di Civitavecchia e condiviso dal Giudice per le Indagini Preliminari di quel Tribunale, all'esito delle indagini svolte dai carabinieri della Stazione di Montalto di Castro e del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Viterbo.

In totale erano sei gli operai tunisini impiegati in nero, di cui tre senza permesso di soggiorno per lavoro subordinato. Gli accertamenti delegati dalla Procura di Civitavecchia sono stati condotti dalla Stazione di Montalto di Castro unitamente ai colleghi del N.I.L.. e all'ispettorato territoriale del lavoro di Viterbo, coadiuvati da mediatori culturali della O.L.M. (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni), attivata secondo il programma Alt Caporalato dell'ispettorato nazionale del lavoro. Stando a quanto finora emerso, anche a seguito dell'autopsia del corpo senza vita del tunisino, quando il bracciante 57enne si è accasciato a terra svenuto, uno degli indagati avrebbe omesso di chiamare subito i soccorsi. Grazie al tempestivo allarme lanciato dai sanitari e all'intervento immediato dei carabinieri in ospedale si è riusciti ad individuare l'autovettura che lo aveva scaricato e ad identificarne il conducente. Al termine delle indagini guidate dalla Procura di Civitavecchia, i militari della Stazione di Montalto di Castro hanno quindi dato esecuzione al provvedimento restrittivo degli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico nei confronti dei due imprenditori campani, padre e figlio rispettivamente di anni 59 e 33, che adesso dovranno rispondere delle gravi accuse formulate dall'autorità giudiziaria". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bracciante agricolo morto nei campi a Montalto di Castro: arrestati padre e figlio

ViterboToday è in caricamento