rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
L'INDAGINE / San Lorenzo Nuovo

Esplosione al centro accoglienza: aperto un fascicolo per "disastro colposo", proseguono le indagini

Sarebbero 3 i feriti elitrasportati e ricoverati al Sant'Eugenio con ustioni di secondo e terzo grado

Un paese ancora sotto shock per l'esplosione avvenuta nella notte tra venerdì e sabato nel centro accoglienza di San Lorenzo Nuovo. Uno scenario davvero pesante quello che resta della struttura che ospitava 31 migranti. Finestre volate a centinaia di metri di distanza, la struttura deflagrata, vetri, calcinacci  e oggetti ritrovati a centinaia di metri di distanza. Proseguono le indagini per capire cosa sia successo nella notte tra venerdì 10 e sabato 11 novembre all'interno del centro accoglienza. Esplosione palazzina San Lorenzo Nuovo1-2

Le cause

In un primo momento dopo la tragedia sul canale nazionale dei vigili del fuoco è stata comunicata "un'esplosione causata probabilmente da una fuga di gas". Ieri i caschi rossi hanno fatto più di un sopralluogo su quel che resta della struttura. "Si parla di fuga di gas, ma non lo abbiamo - ha dichiarato Giulio Cuore amministratore delegato della Ospita srl all'Agi - Abbiamo fornelli elettrici, riscaldamenti elettrici. Ci stiamo muovendo per assistere le persone ferite. Sulla dinamica ci rimettiamo agli inquirenti". Anche i locali commerciali ubicati vicino alla struttura avrebbero subito danni in seguit all'esplosione: "Abbiamo danni ingenti, i muri sono crollati. Noi siamo in affitto in un locale vicino, è un miracolo che non ci siamo morti. Ieri sera sono passato e ho visto i migranti per strada. Una scena terribile", sempre all'Agi l'affittuario di un locale vicino al luogo dove è avvenuta l'esplosione.

Esplosione al centro accoglienza

L'ipotesi di reato

Intanto, la procura di Viterbo ha aperto un fascicolo sull'esplosione. L'ipotesi di reato, al momento contestata, sarebbe quella di disastro colposo contro ignoti.

Esplosione al centro accoglienza

I feriti

I feriti sono ricoverati in diversi ospedali tra Roma, Viterbo, l'Umbria e la Toscana. Gli ospiti della struttura sono tutti di diverse nazionalità e hanno età compresa tra i 62 anni e un anno. Da quanto si è potuto apprendere sarebbero 3 i feriti elitrasportati e ricoverati al Sant'Eugenio con ustioni di secondo e terzo grado. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esplosione al centro accoglienza: aperto un fascicolo per "disastro colposo", proseguono le indagini

ViterboToday è in caricamento