rotate-mobile
LA TRAGEDIA / San Lorenzo Nuovo

Esplosione centro accoglienza San Lorenzo Nuovo: squadre Usar e unità cinofile in azione durante la notte

Sul posto oltre alla task force in azione anche squadre cinofile e la squadra Urban Search and Rescue

L'esplosione del centro di accoglienza a San Lorenzo Nuovo ha impegnato fin da subito la task force attivata per fare fronte all'emergenza. Sul posto hanno lavorato dalla mezzanotte fino circa alle 4 di questa mattina la prima partenza dei vigili del fuoco l'autoscala da Viterbo, la quarta partenza da Gradoli, le unità cinofile del Nucleo regionale dei vigili del fuoco oltre a 10 mezzi di soccorso sanitario del 118 e i carabinieri. Sul posto sono state inviate anche le squadre USAR (Urban Search and Rescue).  Sono stati Francesco Pinna con il suo cane Hero del comando di Viterbo  e Andrea Guiso con il cane Miscka del comando di Rieti a operare la ricerca su macerie per il nucleo cinofilo.

Esplosione al centro di accoglienza4

L'esplosione

Un boato nella notte e poi lo scoppio è quello che hanno sentito gli abitanti di San Lorenzo Nuovo la scorsa notte, quando una palazzina che ospitava una trentina di extracomunitari è esplosa. Nello scoppio i 31 migranti che alloggiavano aall'interno della struttura sono rimasti feriti, fortunatamento solo uno pare sia in gravi condizioni. Immediatamente è scattata la macchina dei soccorsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esplosione centro accoglienza San Lorenzo Nuovo: squadre Usar e unità cinofile in azione durante la notte

ViterboToday è in caricamento