Mercoledì, 17 Luglio 2024
FRODE FISCALE

Vendono materiale informatico a prezzi stracciati evadendo l'Iva per 30 milioni di euro

Otto società nel mirino della Guardia di finanza: hanno emesso fatture per operazioni inesistenti per 130 milioni di euro. Sei indagati. Oltre 10 milioni di euro il profitto del reato

Frode fiscale, otto società emettono fatture per operazioni inesistenti per un valore di 130 milioni di euro: Iva dovuta di quasi 30 milioni di euro. Lo hanno scoperto i militari del comando provinciale della Guardia di finanza di Viterbo in due anni di indagine, complesse e articolate, in materia di contrasto alle frodi Iva nel settore del commercio di prodotti informatici.

Nel mirino dei finanzieri otto società insistenti nel territorio viterbese e romano, con riflessi in Emilia Romagna, Lombardia e Campania. "Tutte compartecipanti - spiegano i militari - a un sistema di frode fiscale basato sull'emissione di fatture per operazioni inesistenti, per un valore complessivo di 130 milioni di euro e un'Iva dovuta di quasi 30 milioni di euro".

La vicenda trae origine da un'attività investigativa, coordinata dalla procura, a cui sono seguite verifiche fiscali eseguite dai militari nei confronti di società, anche cooperative, operanti nel settore merceologico del commercio di materiali informatici. "Il sistema di frode - sottolineano i finanzieri - permetteva ai sodali di praticare prezzi di vendita concorrenziali non per la loro capacità imprenditoriale ma grazie all'indebito risparmio fiscale ottenuto non versando le imposte indirette con estremo nocumento alle regole poste a tutela della concorrenza e del mercato".

Le fiamme gialle viterbesi hanno segnalato innumerevoli violazioni alla normativa tributaria, sia ai competenti uffici finanziari sia all'autorità giudiziaria nei confronti di sei persone, oltre alla normativa sulla responsabilità amministrativa degli enti.

L'attività operativa delle fiamme gialle, sviluppata nell'ambito del dispositivo operativo del corpo posto a contrasto dell’evasione e delle frodi, ha bloccato il ripetersi della frode, arginato l'inquinamento del mercato e della sana imprenditoria, contribuendo quindi a ripristinare adeguati livelli di legalità, trasparenza e sicurezza pubblica. Il profitto del reato individuato supera i 10 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vendono materiale informatico a prezzi stracciati evadendo l'Iva per 30 milioni di euro
ViterboToday è in caricamento