Sabato, 20 Luglio 2024
L'ULTIMO SALUTO

L'addio a Rosanna De Marchi: "Artista sensibile, donna piena d'entusiasmo e poetessa di alto livello". Domani i funerali

Viterbo ancora sgomenta e addolorata per l'improvvisa scomparsa della scrittrice e autrice

Viterbo ancora sgomenta e addolorata per la morte di Rosanna De Marchi. Molto conosciuta, stimata e benvoluta in città, si è spenta ieri, improvvisamente, dopo aver subito un intervento al cuore. Era scrittrice, autrice di libri storici e poetessa. "Una poetessa di alto livello - la ricorda l'ex sindaco di Viterbo, Giovanni Arena -. Era apprezzata da moltissimi viterbesi. Un'artista sensibile, una donna piena d'entusiasmo, sempre disponibile a dare il suo contributo alle iniziative culturali e sociali che orGanizzava il Comune". 

De Marchi, donna di vera cultura, nel 1993 era stata insignita dell'onorificenza di Cavaliere della Repubblica. Forte il legame e la collaborazione, soprattutto, con il centro polivalente del Pilastro, di cui era vicepresidente: indimenticabili le sue partecipazioni alla Calza della befana più lunga del mondo.

Lascia il figlio Giovanni e gli adorati nipoti. Domani, giorno dell'addio, la città potrà stringersi al dolore della famiglia. I funerali sono stati fissati per le 14,30 nella chiesa del Sacro Cuore al Pilastro.

Tra i libri storici più significativi di De Marchi, "17 gennaio 1944" e "1900, cent'anni di storie italiane". Ha sottoscritto anche la sceneggiatura del film "Santa Rosa da Viterbo" e "Santa Gemma Galgani", ed è stata docente e sostenitrice in numerose iniziative culturali per la città di Viterbo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'addio a Rosanna De Marchi: "Artista sensibile, donna piena d'entusiasmo e poetessa di alto livello". Domani i funerali
ViterboToday è in caricamento