rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
L'INDAGINE

Furto in un'azienda agricola: rubati gasolio, cavi elettrici, furgoni e attrezzature da lavoro. Sei arresti | FOTO

Sgominata dalla polizia banda che ha messo a segno colpi in diverse province d'Italia. Bottino da quasi 300mila euro

Scacco matto alla banda dei furti nelle aziende agricole. Messi a segno colpi in diverse province d'Italia, tra cui Viterbo. Questa mattina, venerdì 7 giugno, sono finite in carcere sei persone indagate per furto aggravato in concorso e tentato furto in concorso. Si tratta di cinque romeni e di un pakistano, tra i 32 e i 40 anni, a cui i poliziotti delle questure di Perugia e Caserta hanno notificato l'ordinanza di custodia cautelare tra Parete e Villa Literno, in provincia di Caserta. Uno degli arrestati era già detenuto per altra causa nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, quattro sono stati rintracciati in Campania, dove vivono, e uno è attualmente irreperibile in Italia e saranno attivate ricerche all'estero.

Il furto a Perugia e l'avvio delle indagini

Furto in azienda agricola-3

Il furto nell'azienda di Viterbo risale alla notte tra il 23 e il 24 agosto 2023. La polizia arriva ai presunti responsabili nell'ambito delle indagini, partite a giugno dello scorso anno, su un colpo in un'azienda agricola di Perugia. Quattro degli indagati, dopo aver forzato il cancello di ingresso, erano entrati rubando diversi elettrodomestici. Usciti, hanno forzato una cisterna e i pozzetti di ispezione dei pannelli fotovoltaici impossessandosi di 420 litri di gasolio e asportando il cavo elettrico dell'impianto della lunghezza di 900 metri circa, per un valore stimato di circa 100mila euro. La visione dei video delle telecamere di sorveglianza dell'azienda e approfondimenti svolti dalla squadra mobile di Perugia hanno portato a tre dei cittadini romeni e al pakistano.

Il furto nell'azienda di Viterbo

Durante le indagini, attraverso intercettazioni telefoniche e all'analisi dei sistemi gps dei cellulari, hanno ricostruito che i quattro, insieme ad altri due romeni, erano coinvolti in altri furti analoghi, commessi sempre ai danni di aziende agricole e del settore primario. Oltre che a Viterbo (episodio avvenuto nella notte tra il 23 e il 24 agosto 2023), a Bertinoro in provincia di Forlì-Cesena (notte tra il 17 e 18 agosto 2023), a Rimini (notte tra il 4 e 5 giugno 2023), a Mombaroccio in provincia di Pesaro Urbino (notte tra l'11 e il 14 agosto 2023) e Cesena (notte tra il 23 e 24 agosto 2023). Più un tentato furto a Valmontone, Roma, il 31 agosto 2023.

Furto in azienda agricola

Gli indagati, alternandosi di volta in volta nella commissione dei furti e in alcuni casi in concorso con persone ancora ignote, di notte, utilizzando quasi sempre strumenti da scasso, sarebbero entrati nelle aziende rubando, a seconda dei casi, gasolio per oltre 1500 litri, cavi elettrici per una lunghezza totale di oltre nove chilometri, tre furgoni e attrezzature da lavoro varie. Il valore complessivo dei beni sottratti ammonterebbe a oltre 265mila euro.

Gli arresti

La procura di Perugia, guidata da Raffaele Cantone, ha chiesto e ottenuto dal gip la misura di custodia cautelare in carcere sulla base dei "precedenti penali e il concreto pericolo di reiterazione del reato" da parte dei sei indagati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto in un'azienda agricola: rubati gasolio, cavi elettrici, furgoni e attrezzature da lavoro. Sei arresti | FOTO

ViterboToday è in caricamento