rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
IL FATTO

Grida "Io sono Dio" durante la messa, arrivano i carabinieri

In una chiesa di Viterbo funzione domenicale interrotta da un uomo che ha iniziato a sostenere di essere posseduto e di essere Dio: è stato portato via dal 118

Entra in chiesa, si siede tra i banchi e durante la messa si alza in piedi e inizia urlare "Io sono Dio". Quanto successo ieri mattina, domenica 21 aprile, in una chiesa di Viterbo ha allarmato la comunità che si era riunita ne dì di festa. Con il parroco che alla fine ha chiesto ai fedeli di chiamare i carabinieri.

L'episodio è avvenuto in tarda mattinata, durante la messa domenicale dedicata alle famiglie e alla presenza di circa trecento persone, tra cui anche i bambini che frequentano il catechismo. Nel corso della celebrazione, stando al racconto di alcuni presenti, tutto ad un tratto il silenzio è stato rotto da un uomo che avrebbe iniziato a gridare di essere posseduto ma anche a sostenere di essere nientemeno che Dio.

Funzione religiosa interrotta e attimi vissuti con stupore e una certa agitazione e preoccupazione da parte dei fedeli. Qualcuno avrebbe provato a far ragionare l'uomo e a portarlo fuori dalla chiesa, ma senza riuscirci. Il parroco, che ha mantenuto la calma, ha così chiesto di chiamare i carabinieri.

I militari sono poi intervenuti insieme al personale sanitario del 118. L'uomo è stato tranquillizzato e portato in ambulanza all'ospedale di Belcolle per gli accertamenti del caso. Le motivazioni alla base del gesto restano sconosciute: potrebbe essersi trattato di un tentativo di attirare l'attenzione o dovuto alle precarie condizioni dell'uomo. Mentre quest'ultimo era al pronto soccorso, i carabinieri hanno raccolto i racconti dei presenti in chiesa per ricostruire l'accaduto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grida "Io sono Dio" durante la messa, arrivano i carabinieri

ViterboToday è in caricamento