rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
Cronaca

L'ex di Guede: "Mi ha violentata e calpestata, un errore avergli dato il beneficio del dubbio"

Parla la 23enne che accusa Rudy Guede di violenza sessuale, lesioni e maltrattamenti: "Non mi sento protetta, il braccialetto elettronico non è ancora stato attivato"

"Il beneficio del dubbio che gli ho dato è stato un errore che ho provato sulla mia pelle. Sono stata calpestata e violentata". L'ex fidanzata di Rudy Guede, che lo accusa di violenza sessuale, lesioni e maltrattamenti, parla al Tg1 e dice: "Non mi sento protetta perché la misura del braccialetto elettronico non è ancora stata messa in atto, al momento il dispositivo non è stato attivato”.

Per Guede, dopo le indagini della procura di Viterbo coordinate dalla pm Paola Conti, il gip ha disposto il divieto di avvicinamento di 500 metri dalla parte offesa e l'applicazione del braccialetto elettronico. Misura confermata ieri pomeriggio all'esito dell'interrogatorio di garanzia del 36enne che ha respinto le accuse.

"Il beneficio del dubbio che gli ho dato è stato un errore - afferma la ex - e l'ho provato sulla mia pelle. Io sono stata calpestata per tanto tempo e ho deciso di rialzarmi. Le violenze ci sono state a casa mia e a casa sua. Ci sono prove, ci sono foto, ci sono referti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ex di Guede: "Mi ha violentata e calpestata, un errore avergli dato il beneficio del dubbio"

ViterboToday è in caricamento