rotate-mobile
LAZIO

LAZIO | Anziana trovata legata e imbavagliata al cimitero

La polizia ha arrestato due uomini: si indaga sul movente

Anziana trovata legata e imbavagliata al cimitero di Anzio. La polizia ha arrestato due uomini di nazionalità italiana, accusati di aver aggredito la donna di 76 anni. 

Un primo tassello, scrive RomaToday, per ricostruire un puzzle che è ancora lontano dalla risoluzione. Al momento, infatti, mancherebbe un movente. La questura lavora con la bocca cucita e le indagini proseguono. 

A scoprire la donna era stato un dipendente del cimitero. La 76enne, che si era recata in preghiera sulla tomba del marito, era stata rapinata. Inizialmente si era pensato a una rapina, seppur cruenta. Una ipotesi al momento scartata, che appare più come quella di un depistaggio da parte dei due uomini arrestati. 

Come mai l'anziana era stata trovata così? Conosceva i suoi aggressori? Al momento chi indaga quest'ultima ipotesi la batte. Dopo essere stata soccorsa la donna aveva raccontato ai poliziotti di non ricordare niente. Secondo lei qualcuno l'avrebbe scambiata per un'altra persona, perché "volevano proprio ammazzarmi", disse. Eppure i sospetti di chi indaga si starebbero concentrando proprio nell'ambito dei rapporti familiari della donna.
 
Gli investigatori stanno lavorando anche su possibili altre persone coinvolte. La zona in cui si è verificata l'aggressione, interna al cimitero, non è videosorvegliata, ma le telecamere si trovano a tutti gli svincoli viari fuori dalla struttura. Le indagini continuano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LAZIO | Anziana trovata legata e imbavagliata al cimitero

ViterboToday è in caricamento