rotate-mobile
CRONACA LAZIO

LAZIO | Bomba sotto un'auto, esplosione davanti a un ristorante: è il quarto caso in pochi giorni

La forte esplosione ha generato panico tra i presenti: sono stati i proprietari dell'auto ad allertare le forze dell'ordine

Una bomba carta - l'ennesima di questo agosto - allarma Ostia e l'intero litorale. Nella notte un nuovo ordigno è esploso, danneggiando l'auto di un ristoratore. Lo scoppio a mezzanotte e quaranta, nel parcheggio di un ristorante sul lungomare Amerigo Vespucci. Secondo quanto si apprende, la bomba carta sarebbe stata piazzata sotto l'Audi Q5 in uso alla famiglia dei proprietari, in quel momento ancora all'interno del locale. 

La forte esplosione ha generato panico tra i presenti: sono stati i proprietari dell'auto ad allertare le forze dell'ordine, riporta RomaToday. Immediata la chiamata al 112, con le pattuglie della polizia giunte sul posto per i rilievi e per ascoltare i presenti. Secondo quanto si apprende i proprietari dell'auto hanno riferito di non aver mai ricevuto minacce. La vettura è finita danneggiata nella parte anteriore. 

I precedenti

Si tratta del quarto episodio sul litorale. La prima bomba è esplosa lunedì 7 agosto. Un ordigno più potente di una bomba carta è stato piazzato in via delle Fiamme Gialle, ad Ostia, davanti a una delle quattro caserme della guardia di finanza presenti su quella strada. Una bomba piazzata, anche in questo caso, sotto un'auto.

Sempre la notte fra il 7 e l'8 agosto un'altra esplosione, questa volta nella vicina Fiumicino. In quel caso l'ordigno rudimentale esplose davanti un ristorante all'altezza dell'Isola Sacra, danneggiandone la veranda esterna. E ancora una bomba è esplosa davanti a un autosalone di Dragona.  Resta da comprendere se gli episodi ravvicinati avvenuti a distanza di pochi giorni possano essere collegati fra loro. Bocche cucite da parte degli inquirenti che non escludono nessuna ipotesi. 

La preoccupazione della politica

Quanto sta accadendo preoccupa anche la politica. L'assessora al personale, alla sicurezza urbana, alla polizia locale e agli enti locali della Regione Lazio, Luisa Regimenti, commenta: "Quanto sta avvenendo ad Ostia e nel territorio del Municipio X di Roma desta grande preoccupazione. L'escalation di violenza è un tentativo della criminalità organizzata di alzare il tiro, una sfida allo Stato e un attacco alla libertà e alla sicurezza dei cittadini che merita una risposta ferma e decisa delle Istituzioni".

"Il problema del racket e dell'estorsione non riguarda solo Ostia e il litorale romano ma anche altre realtà del Lazio, a partire da Anzio e Nettuno dove più forte è la presenza delle organizzazioni mafiose -prosegue l’assessora - É necessario affrontare il problema alla radice con un rafforzamento della presenza delle forze dell’Ordine che assicuri un controllo più capillare ed organizzato del territorio e coinvolgendo anche la Polizia locale che può svolgere un ruolo cruciale in questo ambito".

"Desidero ringraziare le forze dell'Ordine che stanno svolgendo, ad Ostia come in altri contesti delicati, uno straordinario lavoro di contrasto alla criminalità – conclude  Regimenti - Siamo pronti a collaborare con il Prefetto di Roma, nell'ambito delle competenze regionali, per rafforzare la presenza dello Stato e riaffermare legalità e sicurezza"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LAZIO | Bomba sotto un'auto, esplosione davanti a un ristorante: è il quarto caso in pochi giorni

ViterboToday è in caricamento