rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
CRONACA LAZIO

LAZIO | "Ti do fuoco al negozio", fidanzati in manette: erano l'incubo degli ottici

Nel mirino dei due 38enni anche un negozio di articoli per la casa

Erano il terrore degli ottici di Guidonia e Tivoli. Una coppia di fidanzati che ha messo a segno diversi furti. Sorpresi a rubare non hanno esitato a minacciare una guardia giurata. A interrompere le loro scorribande criminali gli agenti del commissariato di Tivoli. In manette un uomo e una donna di Tivoli, entrambi 38enni. Sono accusati di aver messo a segno una serie di furti - anche con effrazione, avvenuti nel maggio scorso in danno di alcuni negozi dei comuni della provincia nord est di Roma e al centro commerciale Tiburtino, a Castell'Arcione di Guidonia.


Nel mirino dei due fidanzati occhiali di ingente valore, trafugati dagli scaffali di negozi di ottica il più delle volte rompendo le placche antifurto. I due dovranno inoltre rispondere di un tentativo di rapina in danno dell’addetto alla sicurezza di un altro negozio di articoli per la casa di Collefiorito di Guidonia che li aveva sorpresi a rubare. Bloccato e minacciato dall'uomo con la frase “te do fuoco al negozio t’aspetto fuori quando stacchi” è stato poi spintonato anche dalla donna.

Tra i vari approfondimenti svolti dagli investigatori del commissariato tiburtino, determinante per l’individuazione dei due autori è stata la comparazione delle immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza dei negozi derubati, che ha consentito di attribuire inequivocabilmente le diverse azioni predatorie ai due indagati.

A loro carico il gip del tribunale di Tivoli, che ha emesso il provvedimento restrittivo, ha ritenuto "gravi, precisi e concordanti" gli indizi a loro carico "e ciò in ragione dei numerosi riscontri che hanno consentito di valorizzarne la portata probatoria intrecciandone le rispettive risultanze", atteso, peraltro, che "gli indagati hanno agito con destrezza, con estrema rapidità e con spregiudicatezza, anche alla presenza della persona offesa, al fine di realizzare i furti".

I due sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LAZIO | "Ti do fuoco al negozio", fidanzati in manette: erano l'incubo degli ottici

ViterboToday è in caricamento