rotate-mobile
CRONACA LAZIO

LAZIO | Il mistero della ferrovia Roma Nord: tornelli aperti e corse gratis per tutti

I pendolari denunciano da giorni la rottura degli accessi nelle principali stazioni della linea

In molti l’hanno definita la “festa del portoghese”. In realtà non c’è nulla da festeggiare. Da più di una settimana, ma c’è chi giura che la situazione risalga addirittura al 6 novembre, i tornelli delle stazioni del tratto urbano della ferrovia Roma nord sono spalancati. Un invito a nozze per chi non vuole pagare il biglietto, visto che i varchi sono aperti sia in entrata che in uscita.

Il mistero dei tornelli

A denunciare la situazione il Comitato pendolari Roma nord che, da giorni, sta scrivendo a Cotral e Astral per capire cosa stia accadendo. Labaro, La Celsa, Flaminio, Saxa Rubra: stazioni molto affollate nelle quali si può entrare senza presentare il ticket.

Servizio gratuito

“Qualcuno potrebbe pensare che il servizio sia gratuito” dice a RomaToday Fabrizio Bonanni, portavoce del Comitato pendolari Roma nord. Del resto, di fronte a un servizio che, per usare un eufemismo, lascia a desiderare, è difficile che qualcuno si lasci sfuggire l’occasione di non pagare il viaggio.

“Vogliamo capire cosa stia accadendo – riprende Bonanni - ci si lamenta del fatto che gli utenti siano in calo su questa linea. Però, con una situazione del genere, è praticamente impossibile censire i pendolari che utilizzano questa linea e questo è un grande problema. Come se non bastasse, abbiamo sempre difficoltà come comitato nel recupero dei dati della linea. O non li hanno o non ce li vogliono dare. Certo è che senza tornelli tutto diventa ancora più difficile”.

Tornelli aperti alla stazioni Roma nord-2-2

Purtroppo, almeno nell’immediato, non si vede una soluzione all’orizzonte: “Quello dei tornelli è solo l’ultimo dei problemi che sono emersi. Basterebbe parlare del servizio offerto agli utenti, sempre più scadente”, sottolinea il portavoce. 

Raccolta firme

La Roma nord ha anche un tratto extra urbano, che viaggia da Montebello fino a Viterbo. Qui, le cose, non vanno meglio. Non c’è il problema dei tornelli ma quello delle corse, spesso saltate o in ritardo. Per questo, da alcune settimane il comitato ha avviato una raccolta firme per chiedere agli organi competenti una serie di interventi per migliorare il servizio.

In questi giorni, volontari stanno allestendo dei banchetti nelle stazioni della linea per raccogliere le firme: “Online abbiamo raggiunto duemila sottoscrizioni e altrettante firme “dal vivo” – racconta Bonanni – vogliamo chiudere la raccolta entro la fine del mese”. Nel frattempo anche i comuni interessato dalla Roma Viterbo hanno appoggiato la protesta dei pendolari: Rignano, Sant’Oreste, Sacrofano, Morlupo, Castelnuovo di Porto, Riano hanno deciso di aiutare nella raccolta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LAZIO | Il mistero della ferrovia Roma Nord: tornelli aperti e corse gratis per tutti

ViterboToday è in caricamento