rotate-mobile
Mercoledì, 12 Giugno 2024
CRONACA LAZIO

LAZIO | Ucciso e abbandonato in un carrello della spesa, indentificata la vittima

Attesa per l'esito dell'autopsia e per l'esame delle telecamere della zona. L'ipotesi più battuta è quella di un omicidio maturato nel contesto dello spaccio

È un 24enne nigeriano l'uomo ucciso e abbandonato in un carrello della spesa a Tor Cervara. A lui si è arrivati tramite le impronte digitali, coincidenti con una scheda del ministero dell'Interno. Il giovane infatti risulta avere precedenti per droga. Il suo nome è però al momento ignoto essendo diversi gli alias con cui, nel tempo, è stato fermato dalle forze dell'ordine, riporta il quotidiano RomaToday. 

L'attività di spaccio potrebbe essere il contesto intorno al quale è maturato il delitto. Diversi testimoni hanno raccontato e riferito come la vittima svolgesse l'attività di pusher nella zona. Residente in uno dei quattro stabili abbandonati tra Tor Sapienza e Tor Cervara, il 24enne sarebbe stato un cane sciolto, riuscito nel tempo a crearsi un proprio giro di clienti fidati. Proprio quest'autonomia potrebbe aver attirato le attenzioni e le invidie di qualcuno. 

Forse di due persone che la mattina del delitto sono state viste discutere, in particolare da un testimone, con lui. Una delle ipotesi è che queste due persone potrebbero essere i killer. A dirlo saranno le indagini che nel frattempo proseguono coordinate dalla procura di Roma, cercando elementi utili da incastrare, come in un grande puzzle. Risposte sono attese dalle telecamere della zona che, per quanto isolata, conta degli esercizi commerciali. Si pensa che possano aver ripreso qualcuno allontanarsi, forse gli abitanti di un campo adiacente. 

Atteso è anche l'esito dell'autopsia chiamato a fornire il calibro dell'arma che ha esploso il proiettile fatale. Si vuole capire se si tratta di una tipologia di arma in uso alla criminalità organizzata oppure si tratti di una pistola di piccolo calibro. Indicazioni che, inevitabilmente, indirizzeranno le indagini. 

Indizi che gli abitanti di via Tallone, uno dei quattro palazzi abbandonati della zona, non forniscono. La polizia infatti sta incontrando un clima di omertà e nervosismo, poco utile ai fini delle indagini. In zona l'omicidio ha alzato il livello d'allerta e l'attività di spaccio è diminuita, con conseguente nervosismo da parte degli abitanti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LAZIO | Ucciso e abbandonato in un carrello della spesa, indentificata la vittima

ViterboToday è in caricamento