Lunedì, 15 Luglio 2024
L'ADDIO

Morto il medico Luigi Storcè, gli amici: "Ci ha inviato l'ultimo messaggio ed è volato via..."

Cordoglio in città per l'improvvisa morte del noto professionista viterbesi. Toccanti i ricordi di chi ha conosciuto il 67enne. Oggi i funerali

Un ultimo messaggio agli amici. Poi il malore improvviso che lo ha stroncato a 67 anni. "E sei volato via". La morte di Luigi Riccardo Storcè, noto medico viterbese nonché consigliere comunale a palazzo dei Priori alla fine degli anni '90 ed ex arbitro, ha lasciato sgomenti in tanti. A partire dai suoi amici, tra cui c'è l'animalista Nicola Pollastrelli. "Non riusciamo a somatizzare - sceive su Facebook -, ci hai inviato il tuo ultimo messaggio e sei 'volato via'. Ora vola alto e proteggi i nostri amici pelosetti e la tua famiglia".

"Uomo di profonda onestà e rigore intellettuale"

Toccante il messaggio di un altro amico, il docente e narratore di comunità Antonello Ricci. "Con Riccardo se ne va una persona perbene. Un signore d'altri tempi, un uomo di profonda onestà e di assoluto rigore intellettuale. Su Facebook si firmava, poeticamente e non a caso, con l'antico-perduto nome del Conte di Montecristo: Edmond Dantès. Anche per questo mi piace ricordarlo così: sulla spiaggia assolata della sua amatissima Marina di Grosseto - dove in più di una occasione ci stringemmo la mano dialogando a lungo - dalla cui battigia, forse non tutti lo sanno, in certi giorni di vento, l'inconfondibile "cappello-catalano" dell'isola ti si fa incontro, ché t'illudi ti toccarlo con mano".

Oggi i funerali

I funerali di Storcè sono fissati per le 15 di oggi, lunedì 24 ottobre, nella chiesa della Trinità a Viterbo. In queste ore in tanti si stanno stringendo al dolore della moglie Lilly, delle adorate figlie Elisabetta e Giuditta, della sorella Maria Grazia e dei parenti tutti. La famiglia ha reso note le ultime volontà del professionista: non fiori ma offerte a favore degli animali abbandonati, a cui si è sempre dedicato come volontario.

Morte improvvisa

Storcè è morto nel primo pomeriggio di sabato 22 ottobre a Marina di Grosseto. Nella sua casa in Toscana amava trascorrere gran parte dell'anno da quando era andato in pensione. Il professionista è morto a causa di un malore improvviso contro il quale nulla hanno potuto i sanitari del 118 intervenuti.

Medico, consigliere comunale ed arbitro

Fino alla pensione Storcè è stato in servizio all'unità di medicina legale della Asl di Viterbo facendosi apprezzare come professionista. Dal 1995 al 1999, con Marcello Meroi sindaco, è stato consigliere comunale e presidente del consiglio, dopo essere stato eletto con l'allora Alleanza Nazionale. Grande appassionato di sport, è stato arbitro di calcio - anche della serie C -, dirigente degli arbitri e osservatore per la Commissione arbitri nazionale di serie C e D. Ma pure medico sportivo, tra cui il Grosseto di Piero Camilli in serie B.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto il medico Luigi Storcè, gli amici: "Ci ha inviato l'ultimo messaggio ed è volato via..."
ViterboToday è in caricamento