rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
POLIZIA

Luigi Silipo è il nuovo questore di Viterbo

L'ex capo della squadra mobile di Roma, proveniente da Macerata, succede a Fausto Vinci che va a Latina

Luigi Silipo è il nuovo questore di Viterbo. Romano, 56 anni, proviene da Macerata. Succede a Fausto Vinci, che dopo circa due anni nel capoluogo della Tuscia passa al vertice della questura di Latina.

Il questore Fausto Vinci-2

Il messaggio del presidente della Provincia Alessandro Romoli. "A nome mio personale e dell'intera amministrazione provinciale di Viterbo, intendo rivolgere un sincero ringraziamento al questore Fausto Vinci per l'eccellente lavoro svolto nella Tuscia. Attento e sensibile verso le istanze del Viterbese, ha dimostrato una grande disponibilità verso i cittadini, professionalità e presenza sul territorio. Ho avuto il piacere di conoscere approfonditamente Vinci nelle varie occasioni e appuntamenti di carattere istituzionale che ci hanno visti coinvolti: in lui ho trovato una persona sincera, un vero uomo delle istituzioni e servitore della Repubblica. Non solo. Ho apprezzato anche la grande disponibilità a incontrare i giovani nelle scuole e a dialogare con loro per diffondere la cultura della legalità. Nel ringraziare Vinci per quanto fatto a Viterbo e provincia, porgo a lui i miei più sinceri auguri di buon lavoro per il nuovo incarico ottenuto a Latina. Non ho dubbi che conseguirà eccellenti risultati anche nella provincia di Latina.Allo stesso tempo, rivolgo il benvenuto nella Tuscia al nuovo questore di Viterbo Luigi Silipo. A lui confermo la piena disponibilità della Provincia di Viterbo a collaborare costruttivamente per il bene del territorio".

Chi è Luigi Silipo

Silipo ha diretto la squadra mobile di Roma per sei anni e mezzo, dal 2015 al 2021, per poi essere promosso dirigente superiore passando alla Direzione centrale della polizia criminale come consigliere ministeriale. Da maggio 2023 era questore di Macerata.

Al vertice della mobile capitolina Silipo ha diretto numerose attività sulla criminalità organizzata autoctona, in particolare sulle famiglie Spada di Ostia e Casamonica. Poi le indagini su famiglie di camorra e 'ndrangheta. Sempre a Roma ha guidato attività investigative sul traffico di sostanze stupefacenti per smantellare consorterie criminali capaci di importare nelle piazze della Capitale ingenti quantità di cocaina. 

Tra i fiori all'occhiello della sua carriera anche la cattura latitanti, tra i quali l'arresto in Spagna di Fausto Pellegrinetti, esponente della banda della Magliana irreperibile da 20 anni e, sempre in Spagna, di Antonio Gallace appartenente alla omonima famiglia di 'ndrangheta. Mentre a Roma, in zona residenziale, vengono arrestati i latitanti Antonio e Giuseppe Strangio appartenenti all'omonima famiglia coinvolta nella strage di Duisburg.

Silipo è particolarmente impegnato al contrasto alla violenza di genere. Ha diretto numerose indagini su atti persecutori, violenza su minori e sui drammatici fatti che portarono alla morte di Sara Di Pietrantonio e Desirée Mariottini, portando a individuare i responsabili dei due delitti.

Nel curriculum del nuovo questore di Viterbo anche importanti premi: il 3 maggio 2009 ha ricevuto il premio "Gerbera Gialla" assegnato dall'associazione antimafia "Riferimenti" e il 16 marzo 2018 il premio "Livatino-Setta-Costa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luigi Silipo è il nuovo questore di Viterbo

ViterboToday è in caricamento